Il Ministro della Difesa Roberta Pinotti: abbiamo uno degli Eserciti migliori del mondo

Roma, 8 mag 2017 – (Prima Pagina News) – Alla festa per il 156°Anniversario della nascita dell’Esercito Italiano il Ministro Roberta Pinotti, elengatissima e austera come sempre spiega i motivi del suo orgoglio personale:“Se oggi abbiamo motivo per festeggiare questo 156° anniversario di vita della vostra prestigiosa Istituzione, è per l’altissimo grado di consenso che siete riusciti a conquistarvi da parte degli italiani, per il grande rispetto che vi siete guadagnati in ambito internazionale, per le dimostrazioni di riconoscenza e di considerazione ricevute dalle popolazioni locali delle aree di crisi in cui siete stati chiamati ad operare”. Il Ministro si rivolgende direttamente ai reparti schierati nell’ippodromo militare di Tor di Quinto.Soffermandosi sulle missioni internazionali, la titolare del Dicastero ha ricordato che “il Governo ha confermato per il 2017 il già cospicuo impegno delle Forze armate, che attualmente vede 6.900 impiegati in 31 missioni in 20 Paesi”.

Numeri ai quali si aggiungono 2.900 unità per incrementare il contingente già destinato alle esigenze di prevenzione e contrasto alla criminalità e al terrorismo in occasione del G7 che si terrà a Taormina il prossimo 26 maggio.Da quando venne costituito, il 4 maggio 1861, l’Esercito Italiano- ha spiegao la Pinotti- ha contribuito a comporre la trama della vita del nostro Paese, della nostra storia.

Costituisce un tassello prezioso di quello strumento militare moderno, efficiente, equilibrato nelle sue componenti, delineato nel “Libro Bianco per la sicurezza internazionale e la difesa”.Il Ministro della Difesa ha poi ricordato il grande lavoro svolto dagli uomini e dalle donne della Forza armata in occasione del terremoto e dell’emergenza maltempo che ha colpito soprattutto il centro Italia.

“Cardini di questo nostro impegno – ha aggiunto – rimangono il contrasto al terrorismo internazionale, che continua a rappresentare la minaccia più grave per la sicurezza internazionale; la stabilizzazione dell’area mediterranea, soprattutto per quanto riguarda lo scenario libico; la condivisione degli impegni con gli alleati nell’Unione Europea, per l’ineludibile esigenza di dare un più vigoroso impulso politico al rafforzamento della sicurezza e della difesa comune; gli impegni nazionali nella NATO, anche in considerazione della riconosciuta rilevanza dell’Italia in ambito alleato, che ha trovato ulteriori e unanimi riconoscimenti con la costituzione dell’hub NATO per il sud, basato a Napoli”. L’articolo completo continua qui >>> http://www.primapaginanews.it/dettaglio_news_hr.asp?ctg=3&id=381301

(Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo)

Potrebbe interessarti

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.