Militari e diritti sindacali, il Consiglio di Stato: ok a “restrizioni” ma il diritto deve essere garantito

Roma, 13 Mag 2017 – Legislazione italiana in contrasto con quella UE, Corte Costituzionale si pronunci. – Svolta decisiva del Consiglio di Stato sulla questione dei diritti sindacali per i militari. Con l’ordinanza n. 2043/2017, pubblicata ieri, il Collegio in sede giurisdizionale (Sezione Quarta), sulla scorta delle sentenze emesse dalla quinta sezione della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo [casi “Matelly c. Francia” (ricorso n. 10609/10) e “Adefdromil c. Francia” (ricorso n. 32191109)] ha dato ragione alla parte appellante (Associazione Solidarietà Diritto e Progresso) sulle argomentazioni a sostegno dell’assunto dell’illegittimità costituzionale dell’art. 1475, comma 2, del d.lgs. 66/2010 (Codice dell’Ordinamento Militare) il quale recita che “i militari non possono costituire associazioni professionali a carattere sindacale o aderire ad altre associazioni sindacali”. I giudici di Palazzo Spada affermano che “Il principio di diritto chiaramente affermato dalle due pronunce della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo citate dai ricorrenti è, invece, di segno radicalmente opposto: la restrizione dell’esercizio del diritto di associazione sindacale dei militari non può spingersi sino alla negazione della titolarità stessa di tale diritto, pena la violazione dei menzionati articoli 11 e 14 della Convenzione”. L’articolo completo prosegue qui >>> http://www.grnet.it/news/notizie/giustizia/10116-militari-e-diritti-sindacali-il-consiglio-di-stato-ok-a-qrestrizioniq-ma-il-diritto-deve-essere-garantito

(Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo)

Potrebbe interessarti

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.