Militari e Statali / Il ricatto sui PERMESSI della legge 104. Più difficile usufruirne, ecco le nuove regole. Il Governo sta’ comprimendo conquiste sociali decennali, in cambio del rinnovo del contratto di lavoro. Parola di Ministra.

Roma, 17 giu 2017 – Il ricatto: nuove regole Legge 104/92 in virtu’ del rinnovo del contratto di lavoro. Il Governo con una mano ti da’ e con l’altra ti tolglie qualcosa. Novità in arrivo per i permessi legati alla legge 104. Lo prevede una norma inserita sul rinnovo dei contratti degli statali predisposta dal ministro Madia. Secondo quanto previsto dalla bozza dell’atto di indirizzo predisposto dalla ministra Madia, i permessi per la legge 104 dovranno essere richiesti su base mensile con un ‘congruo preavviso’. Si tratta, come è noto, dei permessi che spettano ai dipendenti per assistere un familiare disabile, sulla base di quanto previsto dalla legge 104 del 1992. Per il personale sara’ difficile programmare in congruo anticipo di usudruire dei giorni previsti per l’assistenza dei propri familiari. Ci possono essere degli imprevisti per cui bisogna stare con loro per accudirli o portarli a fare delle cure.

Il ministro giustifica cosi questa nuova novita’: “La necessità di introdurre una programmazione mensile per questo tipo di permessi viene spiegata con la volontà di impedire abusi e, allo stesso tempo, di armonizzare i diritti legittimi dei lavoratori con ‘le esigenze di funzionalità degli uffici’”. Diciamo che gli abusi non si combattono complicando la vita alle persone ma si combattono con i controlli e verificando il giusto rilascio dei certificati medici attestanti le malattie da parte delle commissioni delle USL. Il resto sono i soliti atteggiamenti all’italiana. Siccome non so se la tua 104 sara’ vera, ma hai dei certificati validi, io comunque ti complico la vita cosi tu ci rinunci o quantomeno ti limito. Bravi!!! Questa e’ la nuova linea Governativa?

Di seguito proponiamo la lettura sempre su questo argomento, del seguente articolo.

Novità in arrivo per i permessi legati alla legge 104. Lo prevede la base per il rinnovo dei contratti degli statali predisposta dal ministro Madia.

Roma, 17 giu 2017 – Il ministro della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, sta infatti per inviare all’Aran, l’Agenzia incaricata di discutere con i sindacati il rinnovo dei contratti degli statali, l’atto di indirizzo che costituirà la base per le contrattazioni e nella quale, secondo le prime informazioni trapelate, è prevista una stretta sulle modalità di richiesta dei permessi per la legge 104.

Una volta ricevuto l’atto di indirizzo, l’Aran potrà convocare i sindacati e dare il via al confronto per il rinnovo dei contratti della pubblica amministrazione fermi ormai da otto anni. 

Statali, permessi legge 104 da richiedere con ‘congruo preavviso’.

Secondo quanto previsto dalla bozza dell’atto di indirizzo predisposto dalla ministra Madia, i permessi per la legge 104 dovranno essere richiesti su base mensile con un ‘congruo preavviso’. Si tratta, come è noto, dei permessi che spettano ai dipendenti per assistere un familiare disabile, sulla base di quanto previsto dalla legge 104 del 1992.

La necessità di introdurre una programmazione mensile per questo tipo di permessi viene spiegata con la volontà di impedire abusi e, allo stesso tempo, di armonizzare i diritti legittimi dei lavoratori con ‘le esigenze di funzionalità degli uffici’.

La misura del ‘congruo preavviso’ dovrebbe essere definita in fase di contrattazione con i sindacati.

Permessi statali: novità anche per donazioni del sangue e visite mediche.

Quello legato alla fruizione dei permessi per la legge 104 non è l’unico punto dell’atto di indirizzo contrattuale dedicato ai permessi dal lavoro per i dipendenti statali. L’articolo continua qui >>> http://it.blastingnews.com

(Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo)

Le news di forzearmate.eu corrono su whatsapp! Invia questo articolo ai tuoi colleghi/amici/contatti – usa l’icona whatsapp sotto (solo con smartphone).


Potrebbe interessarti

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One thought on “Militari e Statali / Il ricatto sui PERMESSI della legge 104. Più difficile usufruirne, ecco le nuove regole. Il Governo sta’ comprimendo conquiste sociali decennali, in cambio del rinnovo del contratto di lavoro. Parola di Ministra.”

  1. Ottima trovata! Tanto quelli del PDR (partito dei ricchi) nn hanno problemi per la 104. Lavorano mediamente 3 gg alla settimana e gestiscono il lavoro come vogliono. Ministro io darei ancora un altra stretta, tassare maggiormente quel giorno. Nn fatevi scappare quest’occasione
    Dategli un nomignolo simpatico o inglobatelo in altra voce a voi nn mancano idee come per l’ultima trovata su bolletta enel. “Spese per oneri di sistema” che bello solo che significa ripristino delle reti elettriche nelle zone colpite da eventi climatici. 5 euro circa al mese per tutti ricchi e poveri. Perché noi siamo un paese serio e non ci devono essere preferenze. I ricchi devono avere gli stessi diritti dei poveri. Gli altri paesi sono gelosi di noi perché abbiamo cervelli eccelsi pensate per esempio che abbiamo inventato prima di tutti l’eutanasia. Solo che a noi si chiama EUTANASIA FISCALE. La puoi richiedere anche in comode rate. Ovviamente sempre per il ns bene. E pensate un po che ci sono imprenditori che si lamentono. Al PDR dico nn ascoltateli per quel po che riuscite a sentire sono incontentabili. Tassa uguale a servizi e come diceva Totò “questi il servizio ve lo fanno”.
    Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.