La “famiglia di caserma” e l”attesa del trasferimento vicino casa

Roma, 21 Giu 2017 – da Agente Sara – Appena assunti nel meraviglioso Corpo di Polizia Penitenziaria, quasi sempre, si viene assegnati in sedi lontane dalla propria terra. Ad ogni modo, poi,  maturato il tempo dell’anno di sede, si ha la possibilità di presentare domanda di mobilità presso la sede che si auspica. Grande desiderio di tutti è riuscire, prima o poi, ad essere trasferiti nell’istituto più prossimo ai propri affetti. La vita da pendolare” non è semplice. E pur tuttavia, talvolta, diventa una scelta obbligata anche perché, non sempre, si riesce a far avvicinare i propri cari in prossimità di dove si viene assegnati.

E, di conseguenza, ogni anno che passa si prova a fare la domanda di mobilità, in attesa del trasferimento desiderato. Quando si lavora lontani dalla propria sede natia, tendenzialmente, si rimane a pernottare presso la caserma riservata al personale, sita in prossimità dell’istituto penitenziario dove si presta servizio: quante volte, proprio grazie ai colleghi, anch’essi lontani dai propri affetti, si crea quella famiglia di caserma” nella quale, ogni giorno si condivide insieme, non soltanto il lavoro ma anche il tempo libero. Ognuno di noi, ricorderà per sempre quando nel solo giorno di riposo in cui è impossibile poter raggiungere casa,  ci si organizza con qualche collega per un’uscita nelle vicinanze. L’articolo completo prosegue qui >>> http://www.poliziapenitenziaria.it/public/post/blog/la-famiglia-di-caserma-e-laposaposattesa-del-trasferimento-vicino-casa-3433.asp

(Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo)

 

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.