Un progetto per valorizzare gli elicotteri militari dismessi

Roma, 21 Giu 2017 – di Federico Cerruti – Le forze armate e le pubbliche amministrazioni dello stato spesso si trovano ad affrontare il problema del surplus dei mezzi che hanno in dotazione e tra questi non fanno davvero eccezione gli elicotteri. Le macchine ad ala rotante sono la spina dorsale di molte amministrazioni che le impiegano in modo intensivo ma quando vengono dismesse dispongono ancora di un minimo di vita operativa. Vengono quindi dichiarate “fuori servizio” anche se spesso risultano sostanzialmente “fuori uso”, macchine che vanno ad alimentare una sorta di cimitero degli elefanti ma che potrebbero tornare ancora utili per utenti, ad esempio, con budget limitati. Cosa fare di queste macchine – specie quelle militari – nell’ottica del perseguimento dell’obiettivo di economicità e razionale utilizzo delle proprie risorse? Se sommiamo le macchine militari a quelle di altre pubbliche amministrazioni, si parla di 400-500 piattaforme per le quali sarebbe ragionevole pensare ad un futuro di riutilizzo attraverso un processo di valorizzazione, appunto, che sicuramente avrebbe ricadute positive visto che si perseguirebbe il duplice obiettivo di minimizzare il numero di elicotteri inutilizzati e di contenere gli oneri di gestione e manutenzione degli stessi. L’articolo completo prosegue qui >>> http://www.analisidifesa.it/2017/06/un-progetto-per-valorizzare-gli-elicotteri-militari-radiati/

(Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo)

Potrebbe interessarti

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.