Terrorismo: c’è sempre chi lo fomenta e chi lo alimenta

Roma, 24 Giu 2017 – di Salvo Barbagallo – Alle radici del terrorismo (quasi) sempre ci sono interessi inconfessabili e patrocinatori (più o meno) occulti. Anche per il (nuovo?) terrorismo di matrice jihadista bisognerebbe andare a ricercare le radici (più o meno) profonde e quindi denunciarne le (vere?) cause che lo hanno originato. Ma questo non conviene (quasi) a nessuno. Claire Sterling, nel prologo del suo libro “La trama del terrore” (Anno 1981!) scriveva: Mentre stavo terminando questo libro, qualcuno mise una bomba nella stazione ferroviaria di Bologna. Era un sabato mattina, nel pieno dell’estate e il traffico dei viaggiatori in transito era assai intenso. I morti furono ottantaquattro e i feriti quasi duecento. Fu il peggior assalto terroristico avvenuto in Europa dalla fine dell’ultima guerra mondiale e a firmarlo fu la destra eversiva. Sei settimane dopo, un’altra bomba nera scoppiò tra la folla che si assiepava all’Oktoberfest di Monaco, uccidendo dodici persone e ferendone più di duecento. La settimana seguente un’altra bomba, ancora di stampo fascista, sventrava la sinagoga di Parigi (…). Il mio libro si occupa di loro solo in modo indiretto. Il terrorismo nero era da tempo in netta recessione quando mi accinsi a scriverlo. Il vero protagonista della scena mondiale, nello sconvolgente decennio compreso tra 1970 e il 1980, è stato il terrorismo di sinistra, o rosso (…). Certo sarebbe stato più semplice scrivere un libro sul terrorismo nero (…) Parlare dei terroristi rossi non mi fatto sentire meglio, anzi mi ha rattristata. Sono pochi gli appartenenti alla mia generazione o a quella dei miei figli che possono agevolmente liberarsi dalla convinzione che tutto ciò che è a sinistra è sempre necessariamente buono. L’articolo completo prosegue qui >>> http://www.lavocedellisola.it/2017/06/terrorismo-ce-sempre-lo-fomenta-lo-alimenta/

(Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo)

Potrebbe interessarti

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.500 - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.