CRONACA/LA CORRUZIONE DELLA MARINA A TARANTO: IL GIP MOLTO SEVERO NEL CLASSIFICARE IL FENOMENO

Taranto, 27 Giu 2017 – da congedatifolgore.com – Scrive il gip: «Chiedevano il pizzo con brutale e talora sfacciata protervia alla stessa stregua della malavita organizzata». Carburanti, lubrificanti e manutenzioni erano il bancomat di molti ufficiali. Per ogni appalto, commessa, fornitura che la base della Marina militare doveva attivare, c’è una tangente del 10%. Quasi dieci milioni di tangenti finora accertate dalla inchiesta che è iniziata nel 2013. Anche i nuovi arrivati, gli ufficiali che hanno preso il posto dei vecchi arrestati o indagati, sono stati a loro volta arrestati per concussione.
Scrive il gip: «Chiedevano il pizzo con brutale e talora sfacciata protervia alla stessa stregua della malavita organizzata». C’è una intercettazione che rivela le attitudini a delinquere di Giovanni Di Guardo, giunto dallo Stato Maggiore di Roma nel luglio del 2015, quale nuovo direttore di Maricommi Taranto.Doveva sostituire gli ufficiali che erano stati coinvolti nella precedente indagine. Di Guardo parla con un imprenditore prima di prendere possesso dell incarico: «Quando io vengo fisicamente con i mobili, con le valigie da Roma, ti dovresti far trovare al casello a Massafra: “scusa questo è…quello che ti devo dare”, a Massafra. Cioè ancora io manco so dov’è, devo ancora arrivare a Taranto, ad aprire la casa. Una persona minimamente intelligente… per cui tu rientri nel giro, allora, c’è Valeriano, c’è Gianni e c’è pure Piero». L’articolo completo prosegue qui >>> http://www.congedatifolgore.com/it/la-corruzione-della-marina-a-taranto-il-gip-molto-severo-nel-classificare-il-fenomeno/

(Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo)

 

Potrebbe interessarti

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.