CRONACA/Sparatoria al comando di polizia locale di San Donato: vigile urbano uccide il superiore in ufficio. Poi si suicida

Milano, 30 Giu 2017 – di F. Q. – Raccontano che non erano mai andati d’accordo, si sopportavano. Avevano discusso spesso, a volte anche in maniera violenta, ma il livello dello scontro era sempre rimasto su un piano verbale anche in virtù della gerarchia. E’ anche per questo motivo che i colleghi non riescono a spiegare cosa abbia spinto l’agente Massimo Schipa a sparare al proprio vicecomandante Massimo Iussa e poi a uccidersi con un colpo alla tempia subito dopo.

Erano negli uffici del Comune di San Donato Milanese, a sud di Milano, in via Cesare Battisti. Pochi minuti dopo le 15 hanno iniziato l’ennesima discussione per i turni di lavoro, gli orari, le mansioni da svolgere. Motivi sicuramente futili ma che evidentemente hanno minato nel profondo la serenità di Schipa, 52enne originario della provincia di Lecce. Stavolta le parole non sono bastate, l’agente ha impugnato la pistola d’ordinanza, ha sparato un colpo al torace del vicecomandante Iussa e poi ha rivolto la pistola contro se stesso. Due proiettili sono stati sufficienti per uccidere entrambi. L’articolo completo prosegue qui >>> https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/06/29/milano-vigile-urbano-spara-e-uccide-il-superiore-davanti-al-comando-poi-si-suicida/3696010/

(Pubblichiamo un estratto del seguente articolo da leggere nella sua completezza collegandosi al link indicato a fine paragrafo)

Potrebbe interessarti

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.500 - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.