Rimini. Agente della penitenziaria è in malattia ma va a giocare a calcetto: denunciato

Roma, 6 dic 2017 – SE UNO E’ IN MALATTIA STA A CASA…. “ASSENTEISMO”? CERTIFICATO DI UN GIORNO, LA PARTITA DI SERA.  Agente della penitenziaria è in malattia ma va a giocare a calcetto: denunciato. Segnalazione interna dà il via al l’inchiesta della procura: perquisizione e sequestro del telefono.  Si sarebbe finto malato, secondo la tesi dell’accusa, con tanto di certificato medico, salvo poi presentarsi al campo da calcetto per una partitella serale tra rappresentanti delle forze dell’ordine. Forse si era semplicemente ripreso dall’attacco di dissenteria 

che proprio quel giorno l’aveva tenuto lontano dal lavoro, ma intanto il pm Marino Cerioni, ricevuta la segnalazione, ha deciso di vederci chiaro e ha inviato i carabinieri a perquisire l’abitazione del protagonista della vicenda, un agente della polizia penitenziaria in servizio a Rimini.

All’uomo, indagato con l’accusa di truffa ai danni dello Stato, è stato sequestrato il telefonino: dalla “chat ” su whatsapp condivisa con gli amici del pallone potrebbero infatti emergere elementi in grado di smontare la tesi della guarigione lampo.

Fonte: http://www.libertas.sm/rimini/notizie/2017/11/27/rimini-agente-della-penitenziaria-in-malattia-ma-va-a-giocare-a-calcetto-denunciato.html

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Scegli come inserire il tuo commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.