EFFETTI DEL NUOVO DECRETO IN MATERIA DI POLO UNICO PER LE VISITE FISCALI AL PERSONALE

Roma, 4 gen 2018 – VISITE FISCALI. MILITARI E POLIZIOTTI ESENTI  PER ORA DALLA NUOVA NORMATIVA. SI APPLICA ANCORA LA PRECEDENTE IN VIGORE. MOLTI CI CHIEDONO PERCHE’ SUL NUOVO DPCM NON TROVANO SCRITTA L’ESCLUSIONE PER MILITARI E POLIZIOTTI. ECCO PERCHE’ NON C’E’ SCRITTO… L’ESPERTO RISPONDE. Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale lo scorso 29/12/2017 del D.P.C.M. n. 206 del 17/10/2017, si completa l’applicazione degli effetti della Legge Madia in relazione ai controlli fiscali in caso di assenze per malattia dei Lavoratori e Lavoratrici (in vigore dal 13.1.2018). Chiaramente sono molte le richieste di chiarimenti che ci giungono in redazione. Questo nuovo D.P.C.M. del 17.10.2017 (Come indicato sul titolo del Decreto stesso) si ricollega al “Regolamento recante modalita’ per lo svolgimento delle visite fiscali e per l’accertamento delle assenze dal servizio per malattia, nonche’ l’individuazione delle fasce orarie di reperibilita’, ai sensi dell’articolo 55-septies, comma 5-bis, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Domanda: Quindi perche’ i Militari e i Poliziotti non sono soggetti da subito a questa nuova disciplina? Risposta: …. 


I militari e poliziotti, ed altre categorie di lavoratori non sono soggetti a questa nuova disciplina perche’ l’art. 3 della legge 30.3.2001 nr. 165 
(a cui si rifa’ il DPCM 17.10.2017) DISPONE, al comma 1, quanto segue:  In deroga all’articolo 2, commi 2 e 3, rimangono disciplinati dai rispettivi ordinamenti: i magistrati ordinari, amministrativi e contabili, gli avvocati e procuratori dello Stato, il personale militare e delle Forze di polizia di Stato, il personale della carriera diplomatica e della carriera prefettizia nonche’ i dipendenti degli enti che svolgono la loro attivita’ nelle materie contemplate dall’articolo 1 del decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 17 luglio 1947, n.691, e dalle leggi 4 giugno 1985, n.281, e successive modificazioni ed integrazioni, e 10 ottobre 1990, n.287.

Pertanto i militari e poliziotti si devono attenere alle attuali e seguenti disposizioni normative, emanate dal proprio Ministero di Competenza:

Qui trovi la direttiva sulle visite fiscali dei Militari, Carabinieri compresi >>>

Qui trovi la direttiva visite fiscali del personale della Polizia di Stato >>>

Se ci saranno delle varianti saranno recepite e diramate dal proprio Ministero di Appartenenza. 

Resta in contatto con noi, siamo su Telegram sul canale pubblico “Forzearmateeu” – potrai ricevere sul tuo smartphone gli aggiornamenti del sito in tempo reale. Scarica l’app TELEGRAM da Play Store e unisciti al nostro canale. Ti aspettiamo. Siamo già in tanti!    –   ECCO COME FARE

Disposizioni-Direttive-Categorie Articoli

Cerca argomento-articolo

Articoli pubblicati – seleziona mese

Questa voce è stata pubblicata in 13. - Visite fiscali per malattia - Disposizioni, 13.1 - Visite fiscali malattia - approfondimenti. Contrassegna il permalink.

Scegli come inserire il tuo commento:

3 risposte a EFFETTI DEL NUOVO DECRETO IN MATERIA DI POLO UNICO PER LE VISITE FISCALI AL PERSONALE

  1. Angelo scrive:

    Quindi resta in vigore la non reperibilità alla visita fiscale se da causa di servizio?

  2. Mike scrive:

    Quanto si apprende l’esclusione dalla reperibilità per patologie dipendenti da causa di servizio permane solo per le cause di servizio scritte nelle prime tre posizioni della tabella A e nella tabella E.

  3. ghevins scrive:

    Comunicato SiNAPPe Sindacato autonomo Polizia Penitenziaria del 15.01.2018

    VISITE FISCALI IL DAP CHIARISCE

    DIPARTIMENTO AMMINISTRAZIONE POLIZIA PENITENZIARIA

    c h i a r i s c e

    LE NUOVE DISPOSIZIONI NON RIGUARDANO IL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA.

    LA PUBBLICAZIONE IN CAZZETTA UFFICIALE DEL DM SULLE VISITE FISCALI AVEVA ALIMENTATO DIVERSE E CONTRAPPOSTE CORRENTI DI OPINIONI FRA QUANTI SOSTENEVANO CHE LO STESSO AVESSE UNA PORTATA GENERALE, PER TUTTO IL PUNNLICO IMPIEGO, E QUINDI RITENEVANO CHE LE NUOVE DISPOSIZIONI NON SI APPLICASSERO ALLA POLIZIA PENITENZIARIA.
    DOPO VARIE SOLLECITAZIONI CON QUESITI FORMALI, A FAR LUCE GIUNGE IN DATA ODIERNA LA CIRCOLARE DELLA DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE CHE AFFERMA A CHIARE LETTERE;
    “Le nuove disposizioni, secondo quanto prevvisto dall’articolo 7 comma 2 del decreto legge 18 ottobre 2012 n.179, coordinato con legge di conversione 17 Dicembre 2012, n.221, non si applicano al Personale delle Forze Armate e dei Corpi Armati dello stato e del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco (compresi quindi il Corpo di Polizia Penitenziaria, i Dirigenti penitenziari, in ossequio a quanto previsto dall’Art. 48 comma 2 del Decreto Legislativo n.95/2017 e gli Ufficiali del disciolto Corpo degli Agenti di custodia).

    Pur restando ferma la competenza in capo all’INPS per l’effettuazione delle visite fiscali, SONO ESONERATI DALL’OBBLIGO DI REPERIBILITA’ COLORE CHE SIANO ASSENTI PER PATTOLOGIA RICONOSCIUTA DIPENDENTE DA CAUSA DI SERVIZIO A PRESCINDERE DALLA TABELLA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.