“Io, carabiniere ferito a terra. Un inferno di calci e pugni”

Roma, 12 feb 2018 – DA LEGGERE. LA NOSTRA SOLIDARIETA’ AL COLLEGA DEI CARABINIERI, BRIG. CAPO Luca Belvedere. Il dramma del brigadiere massacrato negli scontri con gli antifascisti a Piacenza. Ha la spalla rotta, sarà operato. I mmaginate la scena: otto carabinieri in tenuta antisommossa con di fronte duecento giovani pronti a tutto, dotati di fumogeni, che non aspettano altro che picchiare. Parte la carica. Uno dei militari inciampa mentre viene dato l’ordine di indietreggiare e cade. Mentre i suoi compagni scappano, per non essere sopraffatti, l’uomo rimane a terra e gli antifascisti, in un attimo, gli sono addosso. Il brigadiere capo Luca Belvedere, un passato alle spalle di trent’anni trascorsi nell’Arma dei Carabinieri è un «leone». Così lo descrivono gli amici. «È sempre stato il primo ad arrivare al lavoro e l’ultimo ad andarsene», racconta chi lo conosce bene. L’altro ieri a Piacenza era lì, come sempre, tra blindati e celerini a fare il suo lavoro, quello di tutti i giorni, quello di un padre di famiglia che per portare a casa lo stipendio è anche disposto a prender botte. «Che ci vuoi fare – dice un collega – siamo tutori della legge, abbiamo giurato fedeltà alla Patria e manteniamo la parola data ogni giorno. Viviamo per strada, aiutiamo la gente. Di botte ne prendiamo tante. A volte va bene, a volte va male». E a Luca sabato è andata male. Di fronte a quella folla di giovani incappucciati e armati di spranghe non ha indietreggiato. A lui, che fa parte del Quinto battaglione «Emilia Romagna» e che è di stanza a Bologna, la trasferta è costata cara: una spalla rotta e diverse contusioni.

«Luca – raccontano gli amici – ha tentato di bloccare i manifestanti ed evitare che sfondassero il fronte. Ci sono stati momenti di tensione e provocazioni, con tentativi di far scatenare lo scontro fisico tra loro e i carabinieri. A quel punto sono partite le prime manganellate, date per contenere la situazione, ma il muro delle divise si è sfaldato subito».

Otto contro duecento, troppo pochi. Subito dopo il caos. Belvedere è inciampato ed è caduto, perdendo lo scudo. Ha cercato di proteggersi per come poteva, ma era sotto una gragnola di pugni e calci dati dappertutto. Qualcuno ha preso lo scudo e glielo ha letteralmente scaraventato addosso. Chi era lì ha visto che è riuscito ad alzarsi. Il carabiniere era evidentemente preoccupato per la pistola. Perché in questi casi il rischio è che in mezzo a una folla di giovani inferociti possa esserci uno squilibrato che prende l’arma e, in preda all’esaltazione, scatena l’inferno.

Lo hanno visto mettersi la mano sulla fondina. «Si è sentito sollevato – raccontano gli amici -, ma la spalla gli faceva malissimo. È riuscito a rialzarsi e si è allontanato». A pochi metri da lì c’erano dei poliziotti e dei vigili urbani che lo hanno accompagnato a una loro auto di servizio. È stato portato all’ospedale di Piacenza, dove è stato soccorso inizialmente. Ieri il trasferimento a Bologna. Dovrà essere operato alla spalla fratturata. Solidarietà bipartisan dalla politica.

Il ministro dell’Interno Marco Minniti oggi gli farà visita. E il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, a proposito degli scontri di Piacenza, si è schierato dalla parte dei tutori della legge: «Solidarietà e vicinanza agli agenti feriti – ha detto -. Un ringraziamento ai Carabinieri che, anche in momenti difficili e pieni di tensione, continuano a svolgere il loro lavoro in difesa della sicurezza dei cittadini e della libertà di manifestare. Ai feriti va il mio augurio di pronta guarigione». Fonte: www.ilgiornale.it

 

Resta in contatto con noi, siamo su Telegram sul canale pubblico “Forzearmateeu” – potrai ricevere sul tuo smartphone gli aggiornamenti del sito in tempo reale. Scarica l’app TELEGRAM da Play Store e unisciti al nostro canale. Ti aspettiamo. Siamo già in tanti!    –   ECCO COME FARE

Disposizioni-Direttive-Categorie Articoli

Cerca argomento-articolo

Articoli pubblicati – seleziona mese

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Scegli come inserire il tuo commento:

2 risposte a “Io, carabiniere ferito a terra. Un inferno di calci e pugni”

  1. Antonio scrive:

    Siamo con te brig .

  2. Michele Dolzani scrive:

    Un augurio di pronta guarigione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.