Orologi militari in prima linea – Storia Omega

Roma, 13 mar. 2018 – La storia degli orologi militari Omega nasce durante i conflitti mondiali. Per salvarsi e restare sempre all’erta, tra le trincee, oppure direttamente contro il nemico, i soldati potevano contare sui segnatempo Omega. All’epoca, infatti, il brand era l’unico a garantire precisione e vaste forniture. Qual è il segreto del successo di questo marchio nel XX secolo come oggi?

Da pochi appassionati al mercato internazionale

Nella Prima Guerra Mondiale, nota anche come Guerra del ’15-’18, Omega era scelta per precisione e manifattura. Gli orologi di questo marchio sembravano resistere a cannonate e assalti. In più, nonostante gli ordini elevati, gli esperti non potevano fare a meno di constatare precisione e affidabilità.

Una pubblicità francese di Omega del 1916. Si può notare il claim che recita “Omega pour la ville, pour le front” (“Per la città e per il fronte”).

Così, gli orologi militari Omega sono stati scelti dai ministeri della difesa delle diverse nazioni coinvolte nel conflitto mondiale. Primo tra tutti, il Regno Unito. Poi, i Paesi che combattevano al suo fianco. I cronografi avevano un ruolo ben preciso.

Infatti, si poteva stabilire dove si trovasse la trincea nemica verificando dal cronografo quanto tempo passava tra il lampo e il rumore dello sparo incrociato nemico. Quindi, si poteva scegliere la strategia migliore per batterlo.

Gli orologi militari Omega nella Seconda Guerra Mondiale

Anche se all’inizio non fu molto apprezzato, il MoD. Lo UK/CK2292 segnò la Seconda Guerra Mondiale, determinando la vita e la morte dei soldati che lo avevano in dotazione.

Ancora oggi, questi orologi si possono trovare tra gli estimatori di accessori militari, oppure nell’antiquariato. In ogni caso, questi modelli da polso hanno ancora un grandissimo valore sul mercato. Infatti, potrebbe bastare pochissima manutenzione per ottenere un orologio di lusso dal fascino vintage, in grado di attirare anche l’uomo del 2018.

Questo modello di alta orologeria da polso potrebbe essere ancora in giro anche considerate le stime. Infatti, la metà degli orologi utilizzati nel Regno Unito in quel periodo era di questo marchio. In più, il Regno Unito, forte del successo di questa dotazione nella Prima Guerra Mondiale, aveva convinto gli alleati a sceglierli.

Quindi, oltre a questo Paese, è possibile trovare questi modelli vintage di lusso anche in Francia, Grecia, Stati Uniti e in molti altri Paesi. Insomma, un orologio da polso che ha fatto il giro del mondo.

La collezione Seamaster del Dopoguerra

Il marchio non si fermò agli orologi militari Omega per i conflitti mondiali. Dopo le vittorie ottenute, il miglior generale inglese Lord Montgomery scelse di visitare la sede in Svizzera, anche per vedere come erano stati realizzati gli orologi da polso che avevano segnato una svolta nella guerra.

Dopo quell’evento, Omega decise di creare la nota collezione Seamaster nel 1948, subito dopo la guerra. A oggi, sono tantissimi gli estimatori di questi orologi che vanno oltre il tempo. Non è solo una questione “storica” o di funzioni sempre all’avanguardia.

Dietro questi orologi militari ci sono le storie di soldati in trincea. Per chi ama lo stile vintage, difficile non subire il fascino di Omega. Il brand, anche nei modelli contemporanei, ha fatto sua questa eredità, per battere se stesso con un nuovo record di precisione, come dimostrano anche i recenti osservatori.

fonte: https://www.recensioniorologi.it/

Resta in contatto con noi, siamo su Telegram sul canale pubblico “Forzearmateeu” – potrai ricevere sul tuo smartphone gli aggiornamenti del sito in tempo reale. Scarica l’app TELEGRAM da Play Store e unisciti al nostro canale. Ti aspettiamo. Siamo già in tanti!    –   ECCO COME FARE

Disposizioni-Direttive-Categorie Articoli

Cerca argomento-articolo

Articoli pubblicati – seleziona mese

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Scegli come inserire il tuo commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.