Pensioni, i tagli del governo: ecco tutti gli assegni a rischio. Dai professori agli ufficiali delle forze armate.

Roma, 10 lug 2018 – NESSUN DORMA. PRENDERE UNA PENSIONE ALTA NON DOVUTA (MANCANZA DI VERSAMENTI – CONTRIBUTIVO) NON E’ PIU’ POSSIBILE. SONO INTERESSATI I PENSIONATI UFFICIALI MILITARI, PROFESSORI, GIUDICI, PREFETTI, AMBASCIATORI, ECC.. NESSUNO PUO’ STARE TRANQUILLO. PER ARRIVARE A TAGLIARE I VITALIZI DEI POLITICI SI PASSERA’ ANCHE PER GLI STIPENDI LORDI DEI PENSIONATI SETTORI STATALI E PRIVATO DEL VALORE DI 4.000 – 5.000 EURO LORDI AL MESE. A RISCHIO ANCHE LE BABY PENSIONI. Segue articolo de IlGiornale.it. di Luca Romano – Una cosa è certa: questo governo metterà le mani sulle pensioni. Ecco i calcoli sugli assegni: occhio alla flat tax. Una cosa è certa: questo governo metterà le mani sulle pensioni. Sia il Movimento Cinque Stelle che la Lega hanno di fatto messo in cantiere un ricalcolo degli assegni previdenziali con due modalità diverse.

Da un lato ci sono i tagli agli assegni dei 5 Stelle, dall’altro la proposta del Carroccio con Brambilla che prevede un contributo di solidarietà temporaneo. Di fatto bisogna capire quali saranno gli assegni che verranno toccati. Di certo, come annunciato sia dal premier Conte che dal ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, gli assegni che potrebbero subire un ricalcolo con una forte sforbiciata sono quelli tra i 4.000 e i 5.000 euro. I primi ad essere colpiti da questo nuovo calcolo sarebbero i dipendenti statali tra cui quelli della scuola, dell’università e delle forze armate. Come ricorda Repubblica, per un ufficiale di Marina il suo assegno previdenziale di 5.730 euro passerebbe a 2.750 euro.

Il personale prefettizio subirebbe tagli del 40 per cento sulla pensione, i diplomatici invece avrebbero un taglio del 29 per cento. 11 per cento in meno per gli univerisitari con un 28 per cento degli assegni tagliati del 20 per cento dell’importo. Tagli anche per i giudici che subirebbero su un assegno di 9.755 euro lordi mensili, un taglio di 2.735 euro. Conseguenze anche per chi lavora ad esempio per le compagnie aeree con un taglio del 30 per cento. In questo quadro va sottolineato che l’evgentuale taglio potrebbe essere compensato dalla flat tax che andrebbe a ridurre così il prelievo fiscale sugli assegni più alti. Insomma bisogna capire in che modo il governo metterà le mani sugli assegni e in che modo intenderà dare una sforbiciata ai trattamenti previdenziali più alti. Fonte: www.ilgiornale.it

 

Resta in contatto con noi, siamo su Telegram sul canale pubblico “Forzearmateeu” – potrai ricevere sul tuo smartphone gli aggiornamenti del sito in tempo reale. Scarica l’app TELEGRAM da Play Store e unisciti al nostro canale. Ti aspettiamo. Siamo già in tanti!    –   ECCO COME FARE

Disposizioni-Direttive-Categorie Articoli

Cerca argomento-articolo

Articoli pubblicati – seleziona mese

Questa voce è stata pubblicata in Pensioni. Contrassegna il permalink.

Scegli come inserire il tuo commento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.