Militare degradato e cacciato dall’Esercito Italiano per non essere andato a messa. Notizia diffusa oggi da fanpage.it

Roma, 31 dic 2018 – TRA I MILLE OBBLIGHI A CUI DEVE SOTTOSTARE UN MILITARE, C’E’ ANCHE LA PARTECIPAZIONE OBBLIGATA A MESSA? Magari i fatti non sono chiaramente spiegati, bisognerebbe rileggere la sentenza e le carte. Un fatto pubblicato oggi, di Davide Falcioni su fanpage.it – Il militare si era rifiutato di partecipare alla messa in suffragio di un commilitone morto spiegando di essere non credente. Una decisione che gli è costata la carriera nell’esercito italiano. Avrebbe dovuto partecipare alla messa organizzata per ricordare un commilitone morto, ma un militare di origini campane all’epoca dei fatti in forza alla caserma dell’Esercito di Motta di Livenza (Treviso) si era rifiutato adducendo, come motivazione, il fatto di essere non credente e appellandosi alla Costituzione.

Tale comportamento, però, gli è costato molto caro: il soldato è infatti stato processato di fronte al tribunale militare di Verona per disobbedienza pluriaggravata e infine condannato, con sentenza passata in giudicato. Nei suoi confronti è scattata una dura sanzione disciplinare: la perdita del grado per rimozione con cessazione dal servizio permanente.

I fatti risalgono al 2013 e la sanzione venne firmata dalla Direzione generale per il personale militare del Ministero della Difesa. La scorsa settimana è stata pubblicata la sentenza che, a fronte del ricorso presentato dal militare, dà ragione al dicastero e condanna il ricorrente al pagamento di mille euro di spese processuali. “Il provvedimento impugnato, la cui motivazione richiama la gravità del comportamento del militare, i suoi numerosi precedenti e l’incompatibilità della condotta con il grado rivestito e lo status di militare in servizio permanente, costituendo una violazione dei principi di gerarchia che improntano l’ordinamento militare tale da minare il rapporto di fiducia, appare esente da censure e non contrasta con i principi di proporzionalità e gradualità”, hanno motivato i giudici.

A sostegno della decisione del tribunale militare anche una serie di pregressi che non avevano messo in buona luce l’imputato… L’articolo continua qui >>> www.fanpage.it

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  • 21
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.