Immigrazione, ammiraglio De Felice: “La missione Sophia è inutile. Tutelare l’interesse nazionale”

foto e articolo: ilprimatonazionale.it

Roma, 9 gen 2019 – “L’operazione Sophia si è arenata alla fase iniziale. Non abbiamo mai contrastato i trafficanti in acque territoriali libiche né distrutto i barconi sulle spiagge. Gli scafisti vanno combattuti senza quartiere“. E’ il parere dell’ammiraglio Nicola De Felice, ex Comandante marittimo per la Sicilia ed esperto di strategie per la sicurezza, intervistato dal Primato Nazionale per fare il punto sui flussi migratori irregolari e i rischi per il Paese.

Che si intende per sicurezza marittima?

E’ da tempo evidente per l’Italia lo spostamento del centro di gravità politico ed economico sul mare, dove transita il 90% delle materie prime. L’Italia, prima in Europa per quantità di merci importate via mare, dispone dell’11 esima flotta mercantile del mondo e della terza flotta peschereccia europea. L’Italia importa via mare l’80% del combustibile fossile necessario al suo fabbisogno. Il comparto marittimo genera circa il 3% del Pil. Le forze navali quindi sono impiegate per tutelare tali interessi nazionali nel Mediterraneo, allargato dall’Oceano Indiano all’Atlantico. Possono essere impiegate in un ruolo di diplomazia navale, mostrando la bandiera italiana a supporto degli interessi della Nazione oppure a testimoniare una presenza di deterrenza o dissuasione, fino ad un appropriato e selettivo uso della forza, a terra o in mare. La Marina Militare deve ottemperare al ruolo di garante della sicurezza per il trasporto commerciale nelle linee marittime di transito, di legalità in alto mare e nelle operazioni di interdizione del traffico o di embargo navale.

Quale potrebbe essere una strategia nazionale non solo prettamente militare per garantire una maggiore sicurezza a difesa degli interessi del Paese?

Intervenire prontamente sulle cause di una crisi – prima che le conseguenze possano ledere gli interessi nazionali – richiede l’attuazione del modello strategico denominato “strategia diretta”. A differenza di come si è fatto finora in Italia, la strategia deve essere di natura globale, cioè tendente ad agire su tutti gli elementi costitutivi il sistema dell’avversario: politico, sociale, economico, militare, culturale, diplomatico. Lo strumento militare rappresenta quindi solo un’opzione di impiego che, opportunamente concordata con le altre risorse governative, contribuisce a conseguire l’obiettivo politico strategico della Nazione o a salvaguardare gli interessi nazionali del momento. L’eterogeneità degli obiettivi perseguiti dai singoli Stati, dalle varie organizzazioni governative e non, non deve porre in subordine – come è successo nel recente passato – il rispetto e la tutela degli interessi italiani. Un classico esempio di mancata applicazione della strategia diretta la ritroviamo nel febbraio 2018 nel caso del fallito impiego da parte dell’Eni della nave di ricerca Saipem 12000 nelle acque cipriote a causa della posizione intransigente turca.

Il governo, se non dovessero cambiare le regole sui porti di sbarco, intende uscire dall’operazione Sophia dell’Ue. Come giudica la missione e il ruolo finora svolto dal nostro Paese nel contrasto all’immigrazione clandestina?

L’operazione Sophia nasce nel 2015 come un operazione militare di sicurezza marittima dell’Ue. dedicata a smantellare il traffico illegale di esseri umani nel Mediterraneo, in particolare in uscita dalla Libia. L’errore a suo tempo fatto fu quello di emulare il modello di contrasto della pirateria somala nel Corno d’Africa. Tale crisi era stata superata sulla base di risoluzioni dell’Onu che, con il consenso della Somalia, autorizzavano interventi coercitivi in acque e spiagge somale per smantellare la logistica della pirateria. Diverso è il contesto politico-diplomatico libico caratterizzato dal mancato accordo con il governo locale e con le altre realtà presenti in Tripolitania ed in Cirenaica per l’ingresso nelle zone territoriali. Si spiega così come l’operazione Sophia si sia arenata nella sua fase che prevede interventi coercitivi contro le imbarcazioni degli scafisti solo in acque internazionali. Una suddivisione degli sbarchi nei porti europei, innegabilmente logica e da perseverare, non risolve comunque il problema del flusso dei migranti irregolari in Europa. Punterei piuttosto a delle risposte più concrete come un maggiore e diretto coinvolgimento degli attori internazionali coinvolti, europei ed africani, nell’autorizzare il passaggio alla fase che prevede la lotta al traffico nelle acque territoriali libiche ed anche alla fase che prevede di rendere inservibili i barconi sulle spiagge. Le premesse e gli strumenti per rafforzare i rapporti tra la Marina libica e l’operazione europea ci sono, a partire dalle attività di formazione e addestramento che l’Italia sta assicurando alla Guardia Costiera libica. Inoltre un rafforzamento di tale soluzione potrebbe essere effettuata se venisse allargato il compito di Sophia al controllo dell’embargo petrolifero, in aggiunta all’attuale embargo delle armi.

Secondo il rapporto annuale Censis, sei italiani su dieci sono contrari all’immigrazione e la percepiscono come un pericolo, qual è la responsabilità della politica nazionale in questa percezione?

Se l’azione di governo non risponde al perseguimento degli interessi nazionali, può montare un logico e giustificato dissenso a tale operato. L’esempio della protesta dei gilet gialli in Francia ne è una prova eclatante. Una politica nazionale sensata non può prescindere dal considerare l’evoluzione in atto nella dimensione della sicurezza interna del Paese. Fattori come l’immigrazione incontrollata possono costituire una minaccia. Occorre quindi ampliare il concetto di sicurezza globale intesa non solo come militare, ma anche politica, economica, sociale ed ambientale, non riferibile esclusivamente alla sicurezza dello Stato, ma comprendente anche quella dei singoli cittadini e dei loro diritti inalienabili. Occorre rivedere i vincoli e le responsabilità imposte dalla governance del sistema internazionale andato affermandosi – ahimè – di pari passo con l’erosione della sovranità dello Stato. Per avviare un vero cambiamento si deve identificare un unico macro sistema di sicurezza e difesa, di protezione integrata che garantisca la tutela della sovranità e degli interessi nazionali contro ogni forma di attacco o minaccia. Nella politica estera occorre assicurare la salvaguardia degli interessi nazionali ovunque se ne presenti la necessità, anche – e non esclusivamente – attraverso il concorso alla stabilità ed alla sicurezza internazionale nonché il rafforzamento delle capacità politiche e militari italiane all’interno della Nato, dell’Europa e dell’Onu.

Due lauree, l’ammiraglio di divisione Nicola De Felice tra il 2007 e il 2010 quale Addetto Militare ha sostenuto una politica di dissequestro sistematico dei pescherecci italiani e di azzeramento del flusso migratorio irregolare dalla Tunisia. Quale Direttore del Centro Innovazione della Difesa ha definito soluzioni strategiche che richiedono l’applicazione di capacità finalizzate a rendere efficace la politica di sicurezza italiana. Nel 2014, durante il semestre europeo di presidenza italiana, è stato il responsabile della strategia dell’Ue per la Sicurezza Marittima, grazie alla quale ha permesso numerosi accordi di collaborazione. Dal 2015 al 2018 è stato il Comandante Marittimo per la Sicilia, il responsabile regionale per la Marina Militare che assicurava il supporto logistico alle operazioni militari italiane, europee e Nato nel Mediterraneo.

Adolfo Spezzaferro –

https://www.ilprimatonazionale.it/approfondimenti/immigrazione-ammiraglio-de-felice-la-

Potrebbe interessarti

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.500 - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.