COSE CHE SI SAPEVANO? Decreto sicurezza, meno migranti. Le coop rimaste senza soldi costrette a licenziare

Rovigo, 16 gen 2019 – UN ARGOMENTO DI CUI SE NE E’ PARLATO MOLTO. MA SENTIRLO RACCONTATO DAGLI ADDETTI AI LAVORI E’ PIU’ CREDIBILE. Segue quindi un articolo di stampa sulla situazione nel Polesine (Veneto) di ROBERTA MERLIN su ilrestodelcarlino.it. Un altro duro colpo all’occupazione in Polesine. Nei prossimi mesi il 60% dei lavoratori a impiegati nelle cooperative che gestiscono l’accoglienza dei migranti si vedranno infatti stracciare i contratti e la maggior parte di loro tornerà ad essere disoccupato. E’ questa la conseguenza del decreto sicurezza e immigrazione del Governo Lega-5 Stelle che riscrive il capitolato dell’accoglienza sforbiciando servizi e risorse destinate al sostentamento e all’integrazione dei migranti. A partire infatti dai prossimi mesi, anche in Polesine ci saranno meno migranti da accogliere e, di conseguenza, meno soldi nelle casse delle coop. All’orizzonte anche la chiusura di qualche centro di accoglienza. Il decreto privilegia i grossi centri con più di 300 ospiti ( e possibilmente in spazi pubblici come ex caserme) e meno l’accoglienza diffusa che, fino ad oggi, le cooperative hanno gestito con il via libera delle Prefetture.

Con l’inizio del 2019, a preoccupare i sindacati polesani sono i circa 100 giovani lavoratori impiegati nelle 7 coop del territorio, dove sono divisi nei diversi centri di accoglienza circa 400 richiedenti asilo presenti in provincia. A lanciare l’allarme sugli effetti del Decreto Sicurezza Giallo-Verde, il segretario provinciale della Cgil polesana Piero Colombo e il Davide Benazzo della Fp Cgil.

«Assieme alla Cisl- spiegano i sindacalisti – abbiamo chiesto un incontro urgente al prefetto Maddalena De Luca vista la situazione d’emergenza che si verrà a creare nei prossimi mesi sul fronte occupazionale. La nuova riorganizzazione dei centri di accoglienza decisa dal Governo avrà infatti conseguenze disastrose, non solo nella gestione dell’immigrazione, ma determinerà la morte di decine di posti di lavoro».

«Circa una sessantina di persone, perlopiù giovani – spiega il segretario generale Colombo -, perderanno, dopo anni di lavoro nel settore dell’accoglienza, la loro occupazione, alimentando la voragine della disoccupazione giovanile in provincia di Rovigo«. Il nuovo capitolato predisposto dal Viminale prevede infatti l’eliminazione di molti servizi a favore dell’integrazione, la riduzione dell’assistenza per il sostegno dei soggetti vulnerabili e la riduzione di circa il 60% delle risorse umane impiegate all’assistenza di base ai migranti. Tra le figure professionali che risulterebbero in eccesso addetti alle pulizie e custodia, operai, insegnanti, tecnici, psicologi ed educatori. Una delle cooperative maggiormente colpite dal taglio in Polesine potrebbe essere la ‘Porto Alegre’ che gestisce i centri di Arquà Polesine e Frassinelle dove sono impiegati con contratti full time e part-time una sessantina di lavoratori.

«Si tratta di fugure professionali con una notevole esperienza alle spalle nel campo dell’accoglienza – spiega il numero uno della coop Carlo Zagato -, giovani laureati che con impegno e dedizione in questi anni si sono impegnati in questo non facile compito attraverso la gestione di situazioni anche molto delicate. Con il nuovo capitolato molte di queste figure vengono tagliate, creando un danno importante non solo all’occupazione, ma a tanti migranti che cercano salvezza nel nostro paese».

Un esempio: «E’ stato tolto l’insegnamento dell’Italiano durante il periodo di prima accoglienza. Peccato però che se in teoria questa fase dovrebbe durare 2-3 mesi, in verità si protrae per diversi mesi. Per un anno così un migrante, secondo le nuove disposizioni, rischia di restare chiuso in un grosso centro di accoglienza in Italia incapace di comunicare, visto che essendo ancora in questa prima fase, non può partecipare ai corsi di italiano ed essere compreso nell’iter dell’integrazione». A conferma di ciò il dato che il Italia attualmente 160 mila migranti sono ancora nella prima fase di accoglienza e solo 30 mila hanno ottenuto il via libera per lo step successivo. I tagli occupazionali riguardano diversi servizi primari, come ad esempio la gestione degli appartamenti destinati all’accoglienza diffusa che non saranno più affidati per la pulizia alle cooperative m ma ai migranti verrà dato un kit di stracci e detersivi per effettuare da soli la pulizia della casa che occupano. Non solo. Questi si vedranno tagliare anche la mensa, in quanto la cooperativa dovrà fornire loro solo la spesa. Il privato che deciderà di partecipare ai nuovi bandi delle prefetture non dovrà più preoccuparsi di garantire l’insegnamento della lingua italiana,il supporto per la richiesta di asilo, la formazione professionale, la positiva gestione del tempo libero con attività di volontariato legate ad esempio allo sport. «Il rischio – spiegano i sindacati -è che queste persone lasciate sole finiscano in mano al lavoro nero, all’accattonaggio e alla microdelinquenza. Il problema dell’immigrazione non verrà risolto, ma solo ‘nascosto’ agli occhi dell’opinione pubblica». Articolo di ROBERTA MERLIN su www.ilrestodelcarlino.it

Potrebbe interessarti

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.