Difesa, stipendio personale militare e civile RIDOTTO in febbraio 2019 per centinaia di addetti

Roma, 6 feb 2019 – CONGUAGLIO FISCALE 2018, NOIPA E BUSTE PAGA. UN PROBLEMA CHE RIGUARDA ANCHE I MILITARI. LA QUESTIONE VA RISOLTA ALLA RADICE, TOGLIENDO LA GESTIONE DELLE BUSTE PAGA A NOIPA E RIPORTARLA ALL’INTERNO DEL MINISTERO DIFESA. Abbiamo le competenze e il personale. Per molti il problema si potrebbe risolvere anche aumentando il prelievo fiscale mensile in busta paga dell’1 per cento. Cosi’ facendo a fine anno per molti il conguaglio fiscale potrebbe essere anche positivo, o nel peggiore dei casi in pareggio. Il personale gia’ puo’ prendere visione dell’ammontare del prossimo stipendio di fine febbraio 2019, collegandosi nell’area riservata del proprio profilo su NOIPA. Segue articolo di stampa. “Per effetto del prossimo conguaglio fiscale, centinaia di lavoratori civili ( e anche militari, ndr) del ministero della Difesa subiranno una pesantissima decurtazione dello stipendio di febbraio, arrivando a percepire metà o addirittura un terzo della propria retribuzione“.

La denuncia arriva dai sindacati di categoria Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Pa e Confsal che nel corso di un incontro con il ministro della Difesa Elisabetta Trenta hanno appreso che “nulla potrà essere fatto per dilazionare la quota che sarà trattenuta sulla mensilità di febbraio”.

I sindacati, “pur riconoscendo la legittimità del conguaglio fiscale imposto alle retribuzioni”, evidenziano “l’inaccettabile situazione venutasi a creare a danno dei lavoratori, peraltro evitabile se solo fosse stata ascoltata la voce delle rappresentanze sindacali che da anni denunciano invano i continui problemi nelle buste paga dei dipendenti a causa delle deleterie procedure informatiche centralizzate utilizzate dai diversi organismi preposti”.

L’amministrazione della Difesa “non solo non ha saputo monitorare quanto stava accadendo per tempo, ma nemmeno si è posta il problema di favorire la rateizzazione delle somme da restituire.

Adesso basta – protestano i sindacati – è ora di finirla di giocare sulla pelle di lavoratori che quotidianamente assicurano la funzionalità dei delicatissimi servizi richiesti dalle Forze armate della Difesa senza che i vertici politici del ministero, evidentemente troppo distratti da altre questioni, mostrino un minimo di sensibilità istituzionale”. Dal portale >>> www.rassegna.it

 

Potrebbe interessarti

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.