Gli F35 schierati in Sardegna, il dietro front dei M5S che sorprende

foto e articolo: https://notizie.tiscali.it

Roma, 13 feb 2019 – “Sei velivoli F-35A ed un team composto da piloti e manutentori del 32° Stormo dell’Aeronautica Militare si sono rischierati in questi giorni presso il Reparto Sperimentale e di Standardizzazione di Tiro Aereo (RSSTA) di Decimomannu (Cagliari) per un ciclo di addestramento avanzato di circa tre settimane”. L’annuncio è stato dato dal sito aeronautica.difesa.it ha dell’eclatante se si pensa che la cancellazione del progetto F35 era stato uno dei cavalli di battaglia del Movimento 5 Stelle durante le ultime politiche.

Il dietro front M5S

Il dietro front l’aveva imposto il sottosegretario M5s alla Difesa, Angelo Tofalo – già fotografato in mimetica e con il mitra in mano – una paio di settimane fa nel corso di un convegno aveva detto (sorprendendo tutti): “Spesso si è parlato in maniera distorta in Italia degli F35. E’ un aereo che ha un’ottima tecnologia, forse la migliore al mondo in questo momento … dobbiamo farci un po’ di calcoli, ma resta ovvio che non possiamo rinunciare a quella che è una grande capacità aerea della nostra aeronautica». Il giudizio sugli F35 di Tofalo è la stessa di Pasquale Preziosa, ex Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, solo che quest’ultimo in un primo momento non era stato preso sul serio. Le cose cambiano, non cambia invece l’utilizzo della povera Sardegna come campo addestrativo.

L’obiettivo primario

L’attività addestrativa – spiega sempre aeronautica.difesa.it  – consentirà ai piloti del 13° Gruppo di Amendola di consolidare l’esperienza maturata nelle numerose capacità operative già conseguite con il nuovo velivolo, tra cui quelle legate al suo impiego nel servizio di sorveglianza dello spazio aereo, e di proseguire il percorso per il raggiungimento della piena capacità operativa del sistema d’arma F-35A, obiettivo primario dopo l’Initial Operational Capability (IOC) conseguita lo scorso novembre in occasione del 4th Flying Course del TLP svolto sulla base aerea pugliese. Nel corso del rischieramento verranno svolte varie tipologie di missioni di addestramento, sia diurne che notturne, in coordinamento con il RSSTA di Decimomannu ed il Poligono Interforze di Salto di Quirra.

F35 in volo (foto aeronautica.difesa.it)

Il sistema d’arma

Grazie alle caratteristiche cosiddette omniruolo del nuovo sistema d’arma, che lo caratterizzano come piattaforma di 5^ generazione rispetto a quelle multiruolo delle precedenti generazioni, in particolare per le capacità uniche del nuovo velivolo in termini di raccolta e gestione in tempo reale di dati (sensor fusion), è possibile esprimere contemporaneamente in volo tutta la gamma di capacità aero-tattiche in passato effettuate necessariamente con più tipologie di velivoli. I piloti possono quindi addestrarsi, nel corso dello stesso volo, ad una vasta gamma di missioni, tra cui combattimento con altri velivoli (air-to-air), simulazione di ingaggio con armamento di precisione di obiettivi sul terreno, attività ISR (Intelligence, Surveillance And Recconoiscence) per raccolta dati a supporto delle operazioni, attività di supporto ravvicinato a forze terrestri e marittime, guerra elettronica. 

L’addestramento dei piloti

Le missioni di addestramento – spiega ancora l’aereonautica – verranno svolte a quote ed in porzioni di spazio aereo dedicate, all’interno delle quali – attraverso sofisticate tecnologie di simulazione di cui è dotato il velivolo – sarà possibile per i piloti addestrarsi anche a tattiche e procedure di combattimento aereo ed ingaggio di precisione di obiettivi sul terreno, ma senza prevedere l’utilizzo e lo sgancio di alcun tipo di armamento. Tutto sarà infatti riprodotto da computer di bordo grazie ai quali saranno presentate ai piloti durante la missione le diverse tipologie di minacce in base agli scenari operativi che di volta in volta verranno simulati, e sempre in modo computerizzato il pilota potrà addestrarsi a fronteggiare e neutralizzare tali minacce in modo efficace. Tra l’altro, le capacità di virtual ed embedded training (addestramento al simulatore e addestramento virtuale a bordo del velivolo stesso) consentono di addestrarsi in totale sicurezza su tutte procedure, tattiche operative e sviluppo delle potenzialità del sistema d’arma, oltre che consentire una sostanziale riduzione di costi. Insomma, si va avanti, tanto, come ha spiegato il presidente del consiglio Giuseppe Conte in più occasioni. “Questo governo non ha speso un solo euro per l’acquisto di nuovi F-35 – aveva spiegato il premier a Famiglia Cristiana – tutto quello che è stato fatto fino a ora è frutto delle decisioni di chi ci ha preceduto”. Così, aveva aggiunto, “noi oggi stiamo valutando gli impatti occupazionali ed economici della riduzione del programma. Un ridimensionamento ci sarà sicuramente, con modalità e tempi che chiariremo in modo chiaro e preciso”.

L’utilità degli F3

L’utilità degli F35 nel sistema Difesa del Paese era stata confermata, come detto, dal capo di Stato Maggiore dell’Aereonautica Pasquale Preziosa, che in una intervista rilasciata al nostro quotidiano aveva sostenuto che “il sistema F35 garantirà per almeno 40 anni il desiderato livello di superiorità tecnologica e l’indispensabile precisione d’ingaggio degli obiettivi e degli effetti da conseguire”. Insomma, sono utili, a sorprendere è il nuovo corso del M5S.

https://notizie.tiscali.it

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  • 21
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.