Diritti sindacali dei militari: non al solito aborto legislativo che potrebbe trasformare in pupi i sindacalisti

Foto di repertorio. Il Delegato CO.CE.R. Graduati Foti dal Ministro della Difesa On. TRENTA.

Roma, 14 feb 2019 –  Ci vuole una legge sul modello della Polizia che riconosce da un lato la specificità dei Militari e dall’altra parte l’autonomia dei sindacati. Cosi’ il Delegato nazionale del Co.ce.r., il CMCS QS Foti Girolamo del ruolo graduati: siamo solo all’inizio della svolta sindacale dei Militari. L’impegno del Ministro della Difesa c’è stato, adesso spetta al parlamento emanare una legge sui diritti sindacali dei militari che tenga conto da un lato della specificità dei Militari stessi e dall’altra parte dell’autonomia sindacale sul modello della Polizia di stato. Conclude Foti – in risposta a certe menzogne per denigrare la nascita degli organismi sindacali dei militari riconosciuti dal Ministro della Difesa, dichiara quanto segue: le organizzazioni sindacali dei militari non sono subalterne oppure dipendenti dall’amministrazione militare. Foti auspica anche che nell’immediato ci vuole una legge sindacale “giusta”; non il solito aborto legislativo che porterà i militari stessi a giudicare da elettori l’operato del governo in positivo, oppure in negativo, in qualita’ di cittadini/militari elettori.

 

 

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  • 10
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.