Quota 100 militari: la beffa sulla pensione delle forze armate

Tripla beffa sul fronte pensioni per militari e forze dell’ordine. Senza quota 100, senza adeguamento all’aspettativa di vita e senza anticipo tfs

Roma, 22 feb 2019 – Triplo no sul fronte pensioni militari e forze dell’ordine. Il DL 4/2019 non prevede per queste categorie di lavoratori pubblici l’uscita quota 100. Il comparto difesa quindi non potrà avere accesso alla pensione con 62 anni di età e 38 di contributi. Tra le eccezioni espressamente previste nel decretone infatti ci sono proprio il personale appartenente alle Forze armate, il personale delle Forze di Polizia e di Polizia penitenziaria, il personale operativo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco ed il personale della Guardia di finanza. Questo ha senso visto che per queste categorie sono previsti già canali anticipati: la pensione militari 2019 richiede 58 anni e 35 di contributi (con una finestra mobile di 12 mesi). Qualcuno evidentemente si aspettava misure ulteriormente agevolate visto che per la generalità dei lavori si è ridotta l’attesa per l’uscita.

Ma c’è dell’altro. Il decreto non ha riconosciuto alle pensioni militari neppure il blocco dell’adeguamento all’aspettativa di vita per le pensioni raggiunte con gli anni di contributi e indipendentemente dall’età anagrafica. E questo stupisce di più. Resta quindi lo scatto di 5 mesi. A conti fatti in questo il personale in divisa rischia di dover ottenere un montante contributivo addirittura superiore rispetto a chi beneficia della sospensione dell’adeguamento all’ADV.

Negato pure l’anticipo del TFS. Ricordiamo che l’articolo 23 del DL 4/2019 ha introdotto la possibilità per la generalità dei dipendenti pubblici di richiedere un prestito del trattamento di fine servizio fino ad massimo di 30 mila euro tramite banca. Tuttavia questa misura trova applicazione solamente nei confronti delle categorie di lavoratori cui il diritto al TFS sarebbe maturato a seguito del raggiungimento dei requisiti di accesso al sistema pensionistico secondo quanto previsto dalla Legge Fornero. Visto che il comparto difesa e sicurezza ha mantenuto requisiti pensionistici diversi dalla Legge Fornero, diviene impossibile per loro conseguire l’anticipo del TFS al momento della cessazione del rapporto di lavoro.

Quota 100 militari: la beffa sulla pensione delle forze armate

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  • 30
  •  
  •  
  •  

One thought on “Quota 100 militari: la beffa sulla pensione delle forze armate”

  1. Niente contratti da un decennio, da venti anni solo decurtazioni su pensioni, per lo più allungata con molto più anni lavorativi, che dire, la vita militare sotto certi aspetti che é molto più dura del lavoro pubblico o privato, é diventata la più tartassata e meno pagata di tutti e la specificità, tanto decantata dai politici, é solo uno specchietto per le allodole, perché negativa su tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.