Pensioni: dopo le elezioni Europee arrivera’ taglio agli assegni per stop al blocco indicizzazioni

Roma, 16 nov 2019 – Lo stop al blocco delle indicizzazioni varrà circa 170 euro su un assegno da 2mila euro lordi. Il taglio degli assegni pensionistici, previsto dalla legge di Bilancio 2019, sarà effettivo da maggio, dopo cioè le elezioni Europee. Mossa prudenziale da parte del governo visto che lo stop al blocco delle indicizzazioni, in pratica il mancato recupero dell’inflazione, è in ogni caso una richiesta di avere indietro soldi in eccesso dai pensionati.

Lo dicono fonti interne all’istituto di previdenza citate da La Stampa (il governo avrebbe chiesto agli uffici dell’Inps di rinviare la misura), lo conferma un’interrogazione parlamentare del Pd: la misura riguarda le pensioni sopra i 1.539 euro (tre volte il minimo), un po’ più della metà del totale dei pensionati (il 58%). Il conguaglio che dovrà essere corrisposto (perché arriverà, è un impegno e una voce di bilancio che farà risparmiare 3,8 miliardi di euro fino al 2021) non sarà drammaticamente alto, tuttavia avrà valore retroattivo e andrà pagato in un’unica soluzione.

Il Pd: “Il governo prende in giro 5 milioni pensionati”. “Il taglio delle pensioni per lo stop alle indicizzazioni arriverà tutto insieme ma, sorpresa, dopo le elezioni europee”. Il senatore Tommaso Nannicini e la deputata Chiara Gribaudo del Pd hanno depositato un’interrogazione urgente in entrambi i rami del Parlamento per smascherare il raggiro del Governo, che” sta forzando l’Inps a realizzare i tagli alle pensioni sopra 1.539 euro decisi con l’ultima Legge di bilancio soltanto dopo le elezioni europee”. L’articolo completo continua qui >>> https://quifinanza.it

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  • 77
  •  
  •  
  •  

One thought on “Pensioni: dopo le elezioni Europee arrivera’ taglio agli assegni per stop al blocco indicizzazioni”

  1. Dopo il blocco degli stipendi per oltre 10 anni, ora si sono riversati sulle pensioni iniziando con il blocco per 5 anni e poi sicuramente a seguire, ma alla fine sono sempre gli stessi contribuenti a pagarne le spese, se questa é politica a favore dei più deboli, non é proprio così – perché si toglie sempre al lavoratore medio per darli ai disoccupati e nullafacenti (redd. cittad.). Il fine é sempre lo stesso se non peggiore di prima perché stanno togliendo a quello che non arriva alla seconda settimana del mese per darli a quelli che non arrivano neppure ai primi giorni del mese e mi dite che cosa cambia, NULLA… e l’economia peggiora più di prima, bisogna dare il lavoro e non allettare con promesse illusorie…. che producono il NULLA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.