Pensione dipendenti pubblici, prescrizione contributi rinviata dal decreto 4/2019

L’Inps ha più tempo per sistemare le posizioni contributive dei dipendenti della Pubblica Amministrazione: la prescrizione dei contributi per i dipendenti pubblici scatterà dal 1° gennaio 2022.

Roma, 21 mar 2019 – (di Simone Micocci) – Tra le tante novità introdotte dal decreto 4/2019 c’è la proroga della prescrizione dei dipendenti pubblici, con la nuova scadenza fissata al 31 dicembre 2021.

Le amministrazioni pubbliche e l’Inps, quindi, avranno a disposizione più tempo per regolarizzare la posizione contributiva dei propri dipendenti; ricordiamo, infatti, che in assenza della proroga i contributi previdenziali dimenticati con il passaggio dal fondo Inpdap all’Inps sarebbero andati persi a partire dal 1° gennaio 2019. Nessun problema per i dipendenti pubblici, visto che sarebbero state le singole amministrazioni a dover procedere alla costituzione della rendita vitalizia in favore degli amministrati per far fronte alla perdita dei contributi.

L’articolo 19 del decreto 4/2019 – lo stesso che introduce Quota 100 e reddito di cittadinanza – attualmente in esame del Parlamento per la conversione in Legge, quindi, è una sorta di ancora di salvataggio per le amministrazioni; in ogni caso, infatti, i dipendenti pubblici non avrebbero perso i loro contributi.

Dopo la prescrizione i contributi non si perdono
Per i dipendenti pubblici, quindi, indipendentemente dalla proroga della prescrizione non c’era alcun rischio di perdere i contributi ex Inpdap non ancora accreditati con il passaggio alla gestione Inps. La data del 1° gennaio 2022 segna soltanto il cambiamento delle conseguenze per il mancato pagamento contributivo accertato dall’Istituto.

Infatti, prima di questa data è ancora possibile segnalare il vuoto contributivo all’Inps presentando l’apposita documentazione che ne certifica il versamento; in tal caso spetta all’Inps regolarizzare – a costo zero – la posizione contributiva dell’amministrato.

Dopo questa data, invece, l’amministrazione di appartenenza sarà obbligata a sostenere l’onere del trattamento di quiescenza, riferito a quei periodi contributivi per i quali è ormai intervenuta la prescrizione. Per quantificare l’onere dovuto bisogna utilizzare come base di calcolo il criterio della “rendita vitalizia”.

Per i dipendenti pubblici non ci sono costi da pagare, né prima né dopo l’avvenuta prescrizione dei contributi.

Ricordiamo comunque che è facoltà del dipendente controllare la propria posizione assicurativa e – in caso si renda conto di contributi non accreditati – chiederne la variazione. La richiesta va presentata tramite l’istanza RVPA; non c’è alcuna scadenza, neppure l’avvenuta prescrizione vi impedisce di chiedere la regolarizzazione della vostra posizione contributiva.

L’eccezione, ricordiamo, è costituita dagli iscritti alla Cassa Pensioni Insegnanti; questi, infatti, dopo la prescrizione possono richiedere la variazione della posizione contributiva, tuttavia il datore di lavoro non è obbligato a sostenere l’onere della rendita vitalizia. Se non lo fa, spetta quindi al lavoratore far fronte a quest’onere per vedersi valorizzato il periodo sulla posizione assicurativa.

Prescrizione contributi dipendenti pubblici: cosa stabilisce il decreto 4/2019
Nel concreto, la misura descritta dall’articolo 19 del decreto 4/2019 stabilisce che fino al 31 dicembre 2021 non si applicano i termini della prescrizione dei contributi, ma esclusivamente per quel che riguarda gli obblighi concernenti alle contribuzioni di previdenza e assistenza sociale obbligatoria per i rapporti di lavoro subordinato con le pubbliche amministrazioni.

Inoltre, questa disposizione si applica solamente per i periodi contributivi antecedenti al 31 dicembre 2014; sono esclusi, ovviamente, i provvedimenti giurisdizionali passati in giudicato.

Quindi i contributi non accreditati andranno prescritti dal 1° gennaio 2022, quando eventualmente le singole amministrazioni dovranno farsi carico delle rendite vitalizie dei propri amministrati.

https://www.money.it/pensione-dipendenti-pubblici-prescrizione-contributi-rinviata

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  • 27
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.