Mini naja, primo ok alla legge. E gli studenti di sinistra si stracciano le vesti

Roma, 31 mar 2019 – UNA SINISTRA CHE CONTESTA TUTTO. Dove andremo a finire? Segue articolo di Ludovica Colli – Arriva il primo via libera della Camera alla cosiddetta mini naja, un servizio militare su base volontaria di sei mesi per i giovani fra i 18 e 22 anni, distribuiti tra caserma e studio. Il progetto di legge presentato dalla Lega passerà ora in Senato. Secondo la proposta del Carroccio per circa 180 giorni i ragazzi parteciperanno a corsi di “e-learning, permanenza in caserme e strutture formative delle Forze armate ma anche studio dei valori della cittadinanza e della difesa della Patria e della conoscenza delle principali minacce alla sicurezza interna e internazionale”. Previsto anche lo studio dell’architettura istituzionale preposta alla cyber security, delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione nell’ambito delle Forze armate.

Il progetto di legge è stato bocciato solamente da LeU, ed ora approderà al Senato, dove non sembrerebbero essere previsti ostacoli insormontabili.

Ecco come funziona

Vediamo come funziona: la mini naja non avrà nulla a che vedere con il vecchio servizio militare obbligatorio, in quanto sarà su base volontaria. Inoltre, viene specificato che il progetto è rivolto a quei giovani che “non abbiano tenuto nei confronti delle Istituzioni politiche dello Stato comportamenti che non diano garanzia di assoluta fedeltà alla Costituzione ed alle esigenze della sicurezza nazionale”.

Durante i sei mesi di mini leva, i partecipanti non riceveranno alcuna retribuzione ma otterranno dei crediti universitari (12 per l’esattezza), e dei “titoli per la valutazione ad ufficiale di complemento”.

Studenti di sinistra: “Così si torna indietro, inaccettabile”

“Si tona indietro nel tempo, è inaccettabile”. La Rete della Conoscenza, insieme a Unione degli Studenti e Link Coordinamento universitario, in un fiorire di stelle rosse e una certa attitudine all’imboscarsi (anche a scuola) chiedono “il blocco immediato” della riforma. “Le forze politiche vogliono tornare indietro nel tempo, formare all’interno dell’Esercito è inaccettabile“, ha dichiarato Giacomo Cossu, coordinatore nazionale di Rete della Conoscenza, sottolineando: “Vogliamo studiare dentro scuole e università pubbliche, non nelle basi militari.

Ludovica Colli

www.ilprimatonazionale.it

 

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  • 182
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.