LA FRANCIA HA MESSO LE MANI SULLA LIBIA E L’ITALIA COSA FA’? / Laran: L’inerzia del governo Italiano lascia cadere la Libia nelle mani di un dittatore sostenuto dalla Francia

Roma, 5 apr 2019 – ARTICOLI E VIDEO. IL GOVERNO ITALIANO GUARDA MA NON INTERVIENE? La Francia sempre piu’ forte, sbeffeggia il nostro Governo. Segue articolo di Tatiana BASILIO – Come ampiamente previsto, il generale Haftar, dominus della Cirenaica, dopo aver occupato con le sue milizie la strategica regione del Fezzan, inclusi i siti petroliferi dell’ENI, ha lanciato un’offensiva in Tripolitania contro le forze del legittimo Governo di Accordo Nazionale (GAN), con l’obiettivo di occupare la Capitale e imporsi come signore assoluto della Libia.

L’LNA (Libyan National Army) di Haftar è già avanzato fino a Gharian, a un centinaio di chilometri da Tripoli, dove si è scontrato con le forze fedeli al GAN. Il presidente Al Sarraj ha proclamato lo stato di emergenza e le milizie di Misurata e Zintan hanno risposto al suo appello. Tuttavia l’esito del conflitto sembra già predeterminato dal fatto che il GAN ha ormai perso il concreto supporto da parte di un governo italiano debole e distratto, mentre Haftar gode di un solido supporto, anche militare, da parte della Francia e degli Emirati Arabi Uniti e schiera armi e mezzi blindati moderni ottenuti in violazione dell’embargo internazionale.

L’LNA ha raggiunto la superiorità militare già da anni e non ha mai nascosto di voler marciare su Tripoli, ma per tentare realmente di abbattere il governo legittimo Haftar doveva essere relativamente sicuro di non trovare l’opposizione di un’Italia pronta a difendere i propri interessi nazionali.

Oggi, come fu nel 2011 quando francesi e britannici decisero di abbattere il regime di Gheddafi, l’occasione è data da un governo italiano che si mostra debole in politica estera, incapace di difendere gli interessi strategici dell’Italia. E pensare che questa volta, tutelare gli interessi italiani corrisponde al sostenere un governo legittimo e democratico intento a difendersi dall’attacco di un aspirante dittatore che guida milizie in parte composte da mercenari e armate in barba all’embargo internazionale.

Probabilmente basterebbe una forte presa di posizione da parte di Roma al fianco del GAN per ottenere un effetto deterrente e spingere Haftar a desistere dai propri intenti bellicosi, ma il governo giallo-verde non ha finora proferito parola, se non per esternare generica “preoccupazione”.

Un governo silente in politica estera è un governo che non è in grado di affrontare i problemi che sono alle nostre porte e che ci riguardano direttamente. Non prendere posizione non vuol dire che il problema non esiste o che si risolverà da solo.

Qualcuno potrà pensare che se la Libia sarà riunita sotto Haftar finiranno almeno gli sbarchi dei migranti, ma in realtà il nuovo dittatore potrà usare proprio il “rubinetto” dei flussi migratori per spingere l’Italia a desistere da qualsiasi tipo di resistenza, mentre trasferisce gli appalti dell’ENI alla Total e lascia che la Russia apra una base navale in Libia (come ha già promesso di fare).

Secondo Libya Security Studies, che cita fonti diplomatiche, l’offensiva di Haftar su Tripoli avrebbe avuto il via libera di Parigi e i piani sarebbero stati elaborati in una sala operativa tecnico-militare sotto comando francese a Bengasi. Evidentemente Parigi è pronta ad abbattere un dittatore per sostituirlo con un altro, senza avere alcun riguardo per il concetto di democrazia e per le sofferenze inflitte al popolo libico. L’ARTICOLO DI TATIANA BASILIO CONTINUA QUI >>> www.laran.it

SEGUE VIDEO.

More images of Libyan National Army moving west

ECCO il video dell’avanzata libica con buona pubblicità russa!!!!

 

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  

One thought on “LA FRANCIA HA MESSO LE MANI SULLA LIBIA E L’ITALIA COSA FA’? / Laran: L’inerzia del governo Italiano lascia cadere la Libia nelle mani di un dittatore sostenuto dalla Francia”

  1. fargli vedere qualche aereo italiano in ricognizione , ma penso che tutti sanno meno che l’Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.