MILITARI / MALATTIE E DECESSI DA URANIO IMPOVERITO E VACCINI / CONFERMATI I RISULTATI DELLA COMMISSIONE “URANIO IMPOVERITO”

Roma, 6 apr 2019 – (Nostra introduzione). FINANZIATO DALL’ASSOCIAZIONE CORVELVA UNO STUDIO SCIENTIFICO STATISTICO-EPIDEMIOLOGICO SULL’URANIO IMPOVERITO E VACCINI SUI MILITARI ITALIANI. Un problema che riguarda circa 3.000 militari italiani, di cui molte centinaia di loro purtroppo sono gia’ decedute. Problemi che riguardano il personale che si reca in missione all’estero. Missioni alle quali molti ci vogliono andare volontariamente, ma non mancano i rischi sulla salute e altre incognite. Ma si sa, i soldi servono a tutti e quasi nessuno si astiene dal partire in missione. Lo studio ha dimostrato quanto dichiarato dalla Commissione “Uranio impoverito”, soprattutto nel capitolo dedicato alle vaccinazioni militari, ovvero gli che eccessi di rischio significativi emersi nei missionari rispetto ai non missionari. Nonostante la commissione abbia avuto a disposizione dati recentemente aggiornati, servirà comunque disporre di informazioni sui loro possibili determinanti, come contaminazioni ambientali e fattori di rischio di tipo personale o sanitario, dove per sanitario si intende la profilassi vaccinale.

Finalmente viene messa a tacere l’affermazione che “chi va in missione torna più sano”. Il prossimo passo sarà studiare nel dettaglio i dati dei militari che restano in patria, verificando se si ammalano maggiormente rispetto ai civili.

Questo studio è stato supervisionato da Ivan Catalano, ex Vicepresidente della Commissione “Uranio Impoverito” e condotto insieme ai consulenti (Omero Negrisolo dell’ARPAV di Padova e la dott.ssa Loretta Bolgan chimica farmaceutica) che hanno preso parte alla Commissione durante le indagini. A Questi si è aggiunto il Dott. Valerio Gennaro del Dipartimento epidemiologia e prevenzione, IST Genova e Presidente Medici per l’Ambiente (ISDE, Genova), membro dell’ENCR (European Network for Cancer Research), Alumni of The Johns Hopkins University e dell’Istituto Italiano di Bioetica.

Sono stati analizzati i dati resi pubblici, aggregati e anonimizzati per sesso, classe d’età e corpo di appartenenza a una specifica arma, arrivando ad analizzare ben 3.663 soggetti nell’intero periodo (1996-2012). L’articolo completo continua qui >>>  www.corvelva.it

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  • 66
  •  
  •  
  •  

2 thoughts on “MILITARI / MALATTIE E DECESSI DA URANIO IMPOVERITO E VACCINI / CONFERMATI I RISULTATI DELLA COMMISSIONE “URANIO IMPOVERITO””

  1. Buongiorno vorrei chiedere se nello studio effettuato dai ricercatori, hanno verificato nella somministrazione di vaccini, quante persone nel proprio nucleo familiari hanno avuto casi di figli affetti da patologie deformanti o altro tipo – Malattie Rare- come nel mio caso che non ho potuto approfondire , ma ho ancora oggi un grande dubbio.
    Nel 1992 sono partito per la Somalia abbiamo fatto una profilassi di vaccini assurda in breve tempo, il mio gruppo era composto da in 11 persone, dopo il 2 mese di permanenza in somalia mia moglie mi da la notizia che e incinta nello stesso periodo anche la moglie di un collega che e con me aspetta un bambino. Cosa strana alla prima ecografia della moglie del collega il ginecologo riferisce che il feto presenta delle deformazioni gravi, per questo motivo hanno dovuto interrompere la gravidanza. Nel mio caso il ginecologo al 6° mese ha notato un crescita eccessiva della testolina, associandola ad una idrocefalia, come se non bastasse chiede di portare mia moglie ad un centro piu’ qualificato , rientro dalla missione e porto il giorno dopo al gemelli di roma . Tengono mia moglie dalle 8 del mattino alle 18 di sera sotto monitoraggio. Alla fine il responso MIELEMELINGOCENTE , IDROCEFALIA, IPOPLASIA E DISTROFISMI MULTIPLI AGLI ARTI INFERIORI. DOMANDA : E UN CASO ? OPPURE E DA ASSOCIARE AI VACCINI CHE CI HANNO SOMMINISTRATI , 2 CASI SU 2 NELLA STESSA SQUADRA, NON SEMBRA UN CASO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.