TAGLIO ALLE SPESE DELLA DIFESA / PRESTI SERVIZIO PER 10 ANNI NELLE FORZE ARMATE E POI SEI CONGEDATO. Mille volontari in ferma prefissata del 2013 e 2014 saranno i primi a subire questa ingiustizia

Roma, 21 apr 2019 – I PRECARI DELLE FORZE ARMATE. UN SISTEMA DI ARRUOLAMENTO CHE NON PUO’ PIU’ FUNZIONARE. Il ragazzo che si arruola e cede i suoi migliori 10 anni al servizio del Paese indossando la divisa spera poi di rimanere per sempre e di scegliere questo lavoro per tutto il suo futuro lavorativo. CHI VUOI CHE VENGA A FARE IL MILITARE PER UN ANNO E POI TORNA A CASA CON AL CERTEZZA MATEMATICA? NESSUNO!!! Qui ti fanno tornare a casa anche dopo 10 anni di servizio militare e NON hai nè arte e nè parte da far valere nel mondo civile. Cosa torni a fare a casa all’eta di 35 anni senza nessuna esperienza utile al mondo civile? Queste sono le domande alle quali dovrebbero rispondere i politici. Tutti arrivano con una speranza, altrimenti e’ solo tempo perso. Per fare una cosa giusta dovrebbero arruolare i ragazzi in numero limitato ma per sempre, come gia’ avviene per gli ufficiali e per i marescialli. SE NE E’ ACCORTO BENE L’ON. GALANTINO (con esperienza da militare) il quale ragiona su questi punti: Nel 2012 inizia una vera e propria ristrutturazione del Ministero della Difesa e delle Forze Armate che ha inciso in maniera determinante sulla riorganizzazione, realizzando un sistema di difesa mirato ad assicurare l’operatività nei vari contesti, ma numericamente molto contenuto;

La legge ha lasciato ampio margine di intervento al Governo sulle azioni da intraprendere, prevedendo una forte riduzione di personale entro il 2024.

Si passa da 190.000 attuali unità di personale militare delle tre Forze armate a 150.000 unità e una riduzione delle dotazioni organiche del personale civile della difesa da 30.000 unità a 20.000 unità.

I volontari in ferma prefissata del 2013 e 2014 sono i primi ad essere investiti da queste decisioni.

Ci sono tanti modi per tagliare gli sprechi ma non è giusto mandare a casa questi militari dopo 10 anni a disposizione dello Stato. Per questo porterò la problematica in aula davanti al Ministro della Difesa auspicando che si trovi una giusta soluzione. Come sempre sarete aggiornati.

Dalla pagina Facebook dell’On. Davide Galantino (M5S)
Militare in spe ma attualmente in aspettativa per svolgere il suo mandato Parlamentare – E’ Membro della IV Commissione Difesa della Camera dei deputati.

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One thought on “TAGLIO ALLE SPESE DELLA DIFESA / PRESTI SERVIZIO PER 10 ANNI NELLE FORZE ARMATE E POI SEI CONGEDATO. Mille volontari in ferma prefissata del 2013 e 2014 saranno i primi a subire questa ingiustizia”

  1. Il signor Di Paola ne sa qualcosa in merito. Si é passati dal servizio di leva obbligatoria a quello volontario, che nel corso degli anni ha apportato gravi danni ai giovani e alle forze di polizia (queste ultime, all’epoca potevano contare nel loro organico giovani che oggi non hanno più). Infatti, dal 2005 ad oggi hanno visto l’età media dei loro addetti raddoppiare, inverso le forze armate EI – AM e MM si sono servite di giovani volontari il cui ingaggio inizialmente prevedeva per loro un quasi un posto sicuro pubblico che poi é diventato solo illusorio, inoltre hanno avuto un esubero del personale prima addetto all’incorporamento del personale di leva. Oggi, i giovani volontari diventano vecchi senza le speranze di una futura vita lavorativa e le forze di polizia si trovano ad affrontare esigenze operative con personale altamente invecchiato, non più valido a fronteggiare situazioni ove occorre anche la fisicità che non c’è più (per es. O.P. o impiego in teatri operativi all’estero), oltre al mancato personale per l’eccessivo blocco del turn over. Sino ad oggi non si é posto alcun rimedio e speriamo che ben vengono i sindacati “dei non generali” al fine di tutelare questi i giovani alle loro future aspettative lavorative

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.