ESCLUSIONE DALLE ALIQUOTE DI AVANZAMENTO. PERSONALE MILITARE DELLE FORZE ARMATE

Roma, 25 apr 2019 – Ecco come funzionano gli impedimenti, sospensione ed esclusione dall’avanzamento. Articolo 1051 del Decreto Legislativo 15 marzo 2010, n.66. LA CIRCOLARE E’ ANCHE UNA RISPOSTA ALLE TANTE DOMANDE CHE SPESSO CI PONIAMO; AD ESEMPIO: PERCHE’  MI HANNO ESCLUSO DALL’AVANZAMENTO E AL COLLEGA NO? Il comma 2 dell’articolo 1051 del Decreto Legislativo 15 marzo 2010, n.66 impedisce l’inclusione nell’aliquota di avanzamento e la successiva valutazione al personale che si trova nelle seguenti condizioni:

a) rinviato a giudizio o ammesso ai riti alternativi per delitto non colposo;

b) sottoposto a procedimento disciplinare da cui può derivare una sanzione di stato;

c) sospeso dall’impiego o dalle funzioni del grado;

d) in aspettativa per qualsiasi motivo per una durata non inferiore a 60 giorni.

Il successivo comma 4 stabilisce che l’assenza delle sopraccitate situazioni deve perdurare sino alla formazione del rispettivo quadro di avanzamento (ATTO FINALE DELLA VALUTAZIONE E FIRMATO DALLA RISPETTIVA COMMISSIONE), pena la sospensione dalla valutazione ovvero la cancellazione dal quadro di avanzamento (disposta dal Direttore Generale del Personale Militare), ove quest’ultimo sia stato già formato.

Al riguardo, accade sovente che le comunicazioni relative all’esistenza di impedimenti all’avanzamento siano trasmesse ben oltre i termini di conclusione del procedimento di avanzamento. In particolar modo, circa l’aspettativa di durata superiore ai 60 gg., accade, frequentemente, che il rispettivo Comando informi la competente unità organizzativa solo alla chiusura di tale periodo, contestualmente alla emanazione del relativo provvedimento del Comandante di Corpo, spesso in epoca successiva alla pubblicazione del quadro di avanzamento e/o alla data del decreto di promozione. L’intempestiva comunicazione di uno dei citati impedimenti comporta, nell’ipotesi meno dannosa, la cancellazione dal quadro di avanzamento e, ove già disposto il provvedimento di promozione, l’annullamento del relativo decreto e la ripetizione delle somme percepite.

Alla luce di quanto sopra si ribadisce la necessità che le comunicazioni degli impedimenti in capo ai militari sottoposti alle procedure di avanzamento, con particolare riferimento sia alla data di formazione dell’aliquota di avanzamento (solitamente 31 dicembre di ciascun anno per Graduati e Sottufficiali, 31 ottobre di ciascun anno per gli Ufficiali) sia alla successiva data di pubblicazione del relativo quadro di avanzamento, avvengano tempestivamente, anche al fine di consentire che le procedure di avanzamento del personale si verifichino nella maniera più lineare possibile, nel rispetto delle legittime aspettative del personale. Gli Enti in indirizzo sono invitati a curare la capillare diramazione della presente circolare, consultabile, tra l’altro, sul sito www.persomil.difesa.it di questa Direzione Generale, a tutti i Comandi/Enti dipendenti.

d’ordine
IL VICE DIRETTO RE GENERALE

La circolare in questione in originale la trovi cliccando qui >>>

 

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.