IL SINDACATO DI POLIZIA UIL ESPRIME LA SUA SOLIDARIETA’ AI SINDACATI MILITARI

Roma, 26 apr 2019 – Libertà Sindacale patrimonio di tutti. LA NASCITA DEI NUOVI SINDACATI MILITARI SONO VISTI COME FUMO NEGLI OCCHI DA MOLTI, SOPRATTUTTO DA CHI SI TROVA MOLTO IN ALTO NELLA SCALA GERARCHICA. Tanto di cappello alla ormai storica sentenza della Corte Costituzionale, che ha aperto la strada all’associazionismo sindacale per i militari. Per La Corte Costituzionale e’ stata una sentenza al passo con i tempi e matura per il personale delle FF.AA..

Un po’ di storia.
Infatti questa e’ l’ultima sentenza su cui si e’ espressa la Corte; la precedente sentenza del 1999 – (vedi qui: 449 del 1999) – ormai di qualche decennio – fa fu totalmente negativa, bloccando di fatto l’avanzata democratica delle FF,.AA.. All’epoca Presidente del Consiglio dei Ministri era l’On. Massimo D’ALEMA, il quale forni’ alla Corte un parere del Governo completamente contrario, e la richiesta del sindacato fu bloccata sul nascere, spezzando le aspettative di quanti avevano lavorato fin li per i diritti sindacali del personale militare

LA SOLIDARIETA’ DEL SINDACATO DI PIOLIZIA UIL
In una nota anche il Sindacato di Polizia UIL sostiene l’apertura al sindacato per tutto il personale militarizzato: Forze Armate, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza. E prosegue: La libertà sindacale è un tassello del grande mosaico delle libertà democratiche presenti dal nostro ordinamento. I diritti sanciti dalla sentenza 120 del 2018 della Corte Costituzionale che ha riconosciuto anche ai cittadini militari il diritto alla libertà sindacale, viene oggi pesantemente oscurato e rimesso in discussione nel testo base della IV Commissione Difesa che ripropone una rappresentanza militare di fatto assoggettata ai Comandi Generali e priva di quei requisiti di autonomia e libertà sanciti dall’Art. 39 della Carta Costituzionale.

Si vorrebbe così continuare a discriminare 320 mila cittadini italiani  in uniforme,  lavoratori che invocano, come gli altri,  la piena fruizione di un diritto fondamentale. Eppure in tutti i paesi avanzati in cui i militari possono liberamente organizzare le loro rappresentanze sindacali, si è registrato un decisivo miglioramento della funzionalità stessa degli apparati militari, oltre che condizioni di vita e di lavoro qualitativamente superiori.

Per Oronzo Cosi si tratta di un anacronismo miope che vorrebbe riportare indietro le lancette della storia imponendo coercizioni assurde, inutili, dannose e penalizzanti non solo per i lavoratori del Comparto ma per tutto il Paese. Si vorrebbe subordinare la nascita dei sindacati militari ad una sorta di bollinatura del Comandi Generali e sottoporli ad una serie di vincoli che ne snaturerebbero totalmente la natura in una sorta di riedizione dell’attuale rappresentanza militare dei Cocer. Per farlo si invocano goffamente norme ancora vigenti che assoggettano la nascita di circoli e associazioni culturali all’assenso del Ministero della Difesa – l’ art. 1475, comma 1, del d.lgs. n. 66 del 2010. Imporre tali modalità per le rappresentanze sindacali – è evidente – significa imporre una restrizione che snatura la titolarità del diritto di associazione sindacale che persegue ben altre finalità rispetto ad un’associazione culturale o sportiva.

L’affermazione dei diritti di libertà è un processo in cui non avanzare significa retrocedere e la deriva oscurantistica e liberticida,  che vorrebbe assoggettare la libertà sindacale,  purtroppo sta pervadendo anche la Polizia di Stato dove si sta tentando di negare a 6.200 poliziotti la libertà di scegliere come e da chi essere rappresentati.

Esprimiamo quindi massima solidarietà e vicinanza ai sindacati militari assicurando pieno sostegno alla loro mobilitazione e pronti a scendere in piazza insieme a loro per la piena affermazione delle libertà sindacali in un settore delicatissimo e fondamentale per il Paese.

Questo il pensiero di Oronzo Cosi
Rappresentante portavoce SP (Sindacato di Polizia)

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One thought on “IL SINDACATO DI POLIZIA UIL ESPRIME LA SUA SOLIDARIETA’ AI SINDACATI MILITARI”

  1. I comandi Generali sono quelli che il sindacato, diverso dalla subordinazione della rappresentanza militare, dovrebbe contrastarli a tutela del personale a loro dipendenti, pertanto, una loro direzione annullerebbe sul nascere qualsiasi sindacalizzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.