VITERBO / SEMBRA CHE LA STORIA NON FINISCE LI / Sembra infatti che la Difesa ha aperto una istruttoria sul Generale che lascio’ la Festa del 25 aprile a Viterbo

Foto aerea aviazione militare vitervo
Centro Addestrativo Aviazione dell’Esercito

Roma, 3 mag 2019 – UNA CONDOTTA MANCHEVOLE? E’ TUTTO DA VERIFICARE ED ACCERTARE. Secondo autorevoli fonti giornalistiche, è trapelato il fatto che la Difesa ha aperto una istruttoria formale a carico del Gen. B. Paolo RICCO’, dell’Aviazione dell’Esercito (AVES) con sede a Viterbo, il quale secondo le cronache, il 25 aprile abbandono’ la cerimonia in occasione della festa della Liberazione , a seguito alle parole pronunciate dal Presidente della Sezione locale dell’ANPI.

Da quello che si riesce a capire, la richiesta sembra sia partita dai collaboratori del Gabinetto del Ministro della Difesa TRENTA. L’istruttoria e’ tendente a verificare se il generale sia stato manchevole oppure no, con la sua condotta tenuta in quella occasione. Il generale, qualora fosse provata una condotta irriguardosa, potrebbe rischiare un semplice provvedimento disciplinare.

Questo e’ quanto si apprende.

Non c’e’ dubbio che se il generale ha girato i tacchi e se ne e’ andato, qualcosa di increscioso, secondo lui, avra’ sentito. A questo punto, un comandante, o il piu’ alto in grado in quel momento, e’ costretto a sorbirsi parole irriverenti, oppure puo’ decidere di andare via? E’ qui il problema che la difesa dovra’ accertare e decidere.

Il gesto del generale era stato condiviso da molti italiani, e la decisione di aprire una istruttoria si presta a critiche e polemiche nel settore militare. 

Sulla questione e’ intervenuto anche il Delegato del Cocer Interforze Marco Cicala, con queste parole:

«Il generale Riccò, se consideriamo i fatti, non ha violato né regolamenti né etica militare, anzi, il suo stile umile e di difesa delle forze armate è in piena coerenza con un giuramento prestato decine di anni fa. Non solo – conclude il maresciallo – lo dimostra la sua carriera, ma anche questi esempi che fanno molto bene non solamente alla coesione interna alla Difesa ma anche al popolo italiano».

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.