L’APPUNTATO DEI CARABINIERI AL SERVIZIO DI UNA BANDA DI PUSHER. Una doppia vita tra la divisa, il sesso, la droga e i reati

CarabinieriRoma, 23 mag 2019 – SEMBRA INCREDIBILE, MA SUCCEDE ANCHE QUESTO. LA DIVISA A VOLTE NON E’ SINONIMO DI FIDUCIA. Ora il carabiniere e’ un ex dell’arma. Si tratta di un ex appuntato di 42 anni, che era in servizio a Sesto San Giovanni, prima di essere congedato nel mese di luglio del 2018. E’ da lui che sono partite le indagini e che hanno permesso agli inquirenti di arrestare 8 persone, tra italiani e tunisini, accusate a vario titolo di spaccio, corruzione e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. La custodia cautelare e’ stata emessa dal GIP di Monza.

L’indagine sull’ex appuntato dei carabinieri è partita due anni fa dopo che i suoi ex colleghi del Nucleo Investigativo di Monza lo hanno arrestato ad Assago a seguito di un controllo lungo la tangenziale, con mezzo chilo di eroina in auto. L’ex appuntato che era anche un assuntore abituale di hashish e cocaina, legato tra l’altro sentimentalmente ad una donna tunisina, favoriva una rete di spacciatori nordafricani. Poi proprio per il legame sentimentale che aveva con la sua compagna tunisina, si era impegnato in prima persona per cercare di fare entrare in Italia due parenti della donna, bloccati allo spot di Lampedusa, decisi poi a raggiungere la Francia. Per aiutarli, l’ex carabiniere si era diretto in Sicilia con due documenti falsi da fornire ai migranti clandestini. 

Come carabiniere, e consapevole delle attivita’ di spaccio del gruppo tunisino tra Cisinello e Sesto, anziche’ denunciare il fatto, si era anche messo al servizio della banda di pusher di eroina nordafricani.

Grazie poi alle indicazioni fornite dall’appuntato, i pusher riuscivano a camuffarsi molto bene e a non destare sospetti agli occhi delle forze dell’ordine, nei loro vari movimenti con la droga, sia a piedi che in auto.

Rubo’ anche un documento in caserma per mettere in atto un finto finanziamento.

L’ex appuntato deve ora rispondere di peculato, corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, accesso abusivo a sistemi informatici e telematici, rivelazione di segreto d’ufficio, falso ideologico commesso dal pubblico ufficiale, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, ricettazione, favoreggiamento personale, nonche’ di spaccio di sostanze stupefacenti.“

 

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.