FESTA DELLA REPUBBLICA, 2 GIUGNO. PARATA CON POLEMICHE. 4 GENERALI IN PENSIONE DISERTANO LA CERIMONIA

Roma, 2 giu 2019 – CONTINUANO ANCHE QUEST’ANNO LE POLEMICHE PER LA SFILATA DEL 2 GIUGNO. PER MOLTI E’ DA CONSIDERARE TROPPO PACIFISTA. Una parata ormai quasi smilitarizzata. “L’inclusione” è il tema delle celebrazioni del 73° Anniversario della Repubblica italiana. Non che l’inclusione sia una brutta parola. Ma si e’ passati dagli anni in cui si enfatizzava il ruolo delle forze armate e del suo personale impegnato per la PATRIA in giro per il mondo in missioni dover si spara, a sfilate dove sfilano tutti, che con la parata militare non centrano nulla. A questo punto meglio togliere i militari e metterne uno in rappresentanza di ogni forza armate. Ecco che 4 alti generali in pensione rinunciano a presenziare alla parata. La rinuncia e’ soprattutto contro il modo in cui sono trattate le forze armate in questo Paese. È la prima volta che accade in Italia. Insomma un ulteriore grattacapo per il Ministro Trenta, perche’ non sono dei semplici generali in pensione ma rappresentano anche il pensiero dei militari in servizio.

Questo che segue e’ il comunicato di SMD.

Stato Maggiore Difesa: 2 giugno, da 73 anni festa di tutti

Da 73 anni il 2 giugno testimonia la scelta di democrazia e libertà che fecero gli italiani.

Le Forze Armate sono preposte a salvaguardare quella scelta e interpretano il proprio ruolo nel pieno mandato costituzionale.

Il 2 giugno deve essere un giorno di festa. Anche quest’anno la rivista, con il tema dell’inclusione scelto dal Ministro della Difesa, vuole testimoniare come questa giornata rappresenti la festa di tutti, militari e civili che fanno parte delle componenti attive dello Stato, accumunati dagli stessi intenti e valori.

Lo Stato Maggiore della Difesa si dissocia da ogni polemica o presa di posizione personale che possa minare la coesione politico-istituzionale necessaria per il regolare svolgimento dei compiti propri delle Forze Armate.

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

3 thoughts on “FESTA DELLA REPUBBLICA, 2 GIUGNO. PARATA CON POLEMICHE. 4 GENERALI IN PENSIONE DISERTANO LA CERIMONIA”

  1. Finalmente è arrivato un signor ministro della difesa.questi generali si Lagnano per la riduzione delle loro pensioni.forzaaaa trenta!!

  2. ….. più che come vengono trattate le forze armate il vero problema è la riduzione della pensione…siamo sinceri!

  3. Onore alle Forze Armate. Va ribadito con forza. La polemica che vede contrapposti alcuni opinionisti, tra chi storce il naso per la presenza anche di corpi civili e non solo strettamente e unicamente “militari” alla parata in via dei Fori Imperiali a Roma e chi invece li difende, a mio avviso, è una falsa polemica perché il 2 giugno è la Festa della Repubblica, ossia di tutti i cittadini della Repubblica, quindi CIVILI E MILITARI INSIEME, non “contrapposti”. Quindi anche i corpi civili, come i vigili urbani, i corpi di polizia locale, ad esempio, possono a ben ragione essere presenti e partecipare, alla pari delle altre Forze Armate dello Stato repubblicano. Altra cosa è la Festa delle Forze Armate, il 4 novembre, una festa a loro espressa mente dedicata ed esclusiva. Ma fare polemica e confusione sul 2 giugno non è eticamente corretto perché tutti i cittadini italiani devono essere rappresentati. Un cordiale saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.