ART. 54, PENSIONE MILITARI. Non si placano le polemiche. Uno spreco senza freni.

Roma, 20 giu 2019 – ART. 54. Ancora un intervento sugli sprechi, da parte di un nostro utente del sito web. Ci scrive Alessandro: a proposito del Vs articolo: “Ancora su articolo 54, “Non solo…… mandano gli avvocati dello Stato a 5 alla volta, sempre con le stesse false tesi di difesa. Queste non dovrebbero essere più ammesse, atteso che le Sentenze sinora già espresse, in senso loro contrario, hanno rigettato le loro storte idee di applicazione delle Leggi, contro ogni normale senso non solo di Diritto, ma anche di logicità. Tanto non pagano niente di tasca loro.

Che “Famiglia” il Ministero della Difesa e tutti i Comandi Generali coinvolti. Dovrebbero vergognarsi, ma non lo fanno perché a loro, soprattutto ai Generali non negano i diritti, per anni e anni, come fanno a noi.

Sarei contento che si offendessero, ma taluni non hanno onore, pur predicandolo (solo nel Codice Militare) ogni giorno”.

Alessandro.

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One thought on “ART. 54, PENSIONE MILITARI. Non si placano le polemiche. Uno spreco senza freni.”

  1. Non resta che continuare a fare ricorso. Ovviamente tutto il personale assunto prima del 1995, in quanto, l’invenzione della parola “MISTO” è solo dell’INPS. Se siamo entrati con un contratto prima del 1995 e la legge (1973) non è stata abrogata, siamo in diritto di presentare il ricorso per frci riconoscere la giusta retribuzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.