IMPIEGARE I REPARTI SPECIALI PER ARGINARE IL FENOMENO DEI TRAFFICANTI DI IMMIGRATI

Roma, 5 lug 2019 – In un articolo di Tiziano Ciocchetti pubblicato su Difesaonline.it viene esaminata la possibilità di utilizzare Il 2° Reggimento Marina della Brigata San Marco,  unità anfibia altamente specializzata per fornire protezione ravvicinata alle unità navali e svolgere attività di abbordaggio di natanti sospetti.

Il Reggimento è composto da due battaglioni operazioni navali. Ogni battaglione ha in forza due compagnie, formate da 10 team di 10 uomini ciascuno addestrati per operare in scenari operativi che prevedono una opposizione armata all’abbordaggio (capacità, fino a poco tempo fa, solo in possesso degli incursori del GOI).

Le azioni da intraprendere dovrebbero interessare le cosiddette navi madre (sorta di unità d’appoggio che rilasciano in mare barchini carichi di clandestini). I Team del San Marco potrebbero abbordarle e neutralizzarle   dopo aver messo in sicurezza i profughi. Ovviamente ci vorrebbe una decisione politica che troverebbe una forte opposizione.

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 thoughts on “IMPIEGARE I REPARTI SPECIALI PER ARGINARE IL FENOMENO DEI TRAFFICANTI DI IMMIGRATI”

  1. Solo i militare con un decreto legge possono fermare gli invasori e i centri sociali che fanno sciacallaggi in mare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.