CONTROLLO DEGLI ACCESSI DIPENDENTI STATALI: pronto il regolamento sulle impronte digitali contro i “furbetti del cartellino”

Roma, 8 lug 2019 – QUESTA VOLTA SARA’ QUELLA BUONA? Esclusi per ora i militari e poliziotti e altre categorie di diritto pubblico dello Stato. Il nuovo Ministro della Funzione Pubblica Giulia Buongiorno lo aveva promesso, ed ora e’ arrivato il controllo degli accessi con sistemi biometrici e di videosorveglianza. Per sfuggire al controllo, dato che anche oggi c’e’ stata una retata di assenteisti in un ospedale della penisola, cosa si inventeranno i dipendenti pubblici? Ecco cosa prevede il nuovo regolamento, per ora al vaglio dell’autorita’ sulla privacy: Il ddl introduce delle misure specifiche per verificare il rispetto dell’orario di lavoro dei dipendenti pubblici. Le amministrazioni dovranno dotarsi di sistemi di verifica biometrica dell’identità (impronte digitali) e di videosorveglianza degli accessi, in sostituzione dei sistemi attualmente in uso. I controlli valgono anche per i dirigenti, ma non riguarderanno tutti. Sono esclusi, tra gli altri, magistrati, avvocati e procuratori dello Stato; personale militare, delle forze di polizia di Stato, del Corpo nazionale dei vigili del fuoco; personale diplomatico e prefettizio; professori e ricercatori universitari.

 

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One thought on “CONTROLLO DEGLI ACCESSI DIPENDENTI STATALI: pronto il regolamento sulle impronte digitali contro i “furbetti del cartellino””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.