Esclusione opzionale dal massimale contributivo dei lavoratori che prestano servizio in settori in cui non sono attive forme di previdenza complementare compartecipate dal datore di lavoro. Questa norma riguarda anche i militari e poliziotti, che hanno iniziato a lavorare dopo il 31.12.1995

Roma, 14 lug 2019 – PENSIONI, SEMPRE PEGGIO PER LE GIOVANI GENERAZIONI, PER GLI ASSUNTI DOPO IL 31.12.1995. La legge sulla riforma delle pensioni entrata in vigore circa 25 anni fa ha diviso in tre gruppi i lavoratori che chiederanno la pensione all’INPS: 1. Il primo gruppo sono coloro che hanno mantenuto tutti i vantaggi e tutti i privilegi e si tratta di coloro che al 31.12.1995 avevano piu’ di 18 anni di lavoro. E si chiamano RETRIBUTIVI. Per i militari e poliziotti, in questo caso, si tratta di andare in pensione con uno stipendio piu’ alto di quando lavoravano. Alcuni ancora sono in servizio. 2. Il secondo gruppo hanno perso qualcosa nei confronti del primo gruppo e stanno andando in pensione con uno stipendio piu’ basso di quando lavoravano. Nei confronti del primo gruppo prendono circa 300 – 400 euro netti al mese in meno. E si chiamano CONTRIBUTIVI/MISTI. 3. Il terzo gruppo sono coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 31.12.1995. E ad oggi hanno circa 23 anni di lavoro effettivo, piu’ eventuali maggiorazioni operative di 1/5. Questi saranno i nuovi pensionati PURI e andranno in pensione con uno stipendio che sara’ poco piu’ della meta’ dei CONTRIBUTIVI/MISTI. Il legislatore aveva previsto per queste persone (gruppo due e gruppo tre) una integrazione con i fondi pensioni, ma a distanza di 25 anni per i militari non sono MAI stati attivati. La circolare che segue riguarda anche i militari e poliziotti assunti dopo il 31.12.1995. Bisogna valutare bene di cosa si tratta ed effettuare l’opzione, se necessaria e/o conveniente. Qui ci vuole un esperto in materia.


SEGUE CIRCOLARE INPS DEL 17.6.2019, NR. 93

Direzione Centrale Entrate e Recupero Crediti
Direzione Centrale Pensioni
Roma, 17/06/2019
Circolare n. 93
Ai Dirigenti centrali e territoriali
Ai Responsabili delle Agenzie
Ai Coordinatori generali, centrali e
   territoriali delle Aree dei professionisti
Al Coordinatore generale, ai coordinatori
   centrali e ai responsabili territoriali
   dell’Area medico legale E, per conoscenza, Al Presidente
Al Presidente e ai Componenti del Consiglio di Indirizzo
   di Vigilanza
Al Presidente e ai Componenti del Collegio dei Sindaci
Al Magistrato della Corte dei Conti delegato
   all’esercizio del controllo
Ai Presidenti dei Comitati amministratori
   di fondi, gestioni e casse
Al Presidente della Commissione centrale
   per l’accertamento e la riscossione
   dei contributi agricoli unificati
Ai Presidenti dei Comitati regionali
OGGETTO: Articolo 21 del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito dalla legge 28 marzo 2019, n. 26. Esclusione opzionale dal massimale contributivo dei lavoratori che prestano servizio in settori in cui non sono attive forme di previdenza complementare compartecipate dal datore di lavoro
SOMMARIO: Con la presente circolare si forniscono indicazioni sugli effetti delle disposizioni di cui all’articolo 21 del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito con modificazioni dalla legge 28 marzo 2019, n. 26, riferite all’esclusione dall’applicazione del massimale della base contributiva e pensionabile, previsto dall’articolo 2, comma 18, della legge n. 335/95. Si individuano altresì i dipendenti pubblici ai quali è riconosciuto l’esercizio della relativa facoltà di opzione e si illustrano i termini di esercizio della stessa.

INDICE

1.  Premessa
2.  Lavoratori che possono esercitare la facoltà di opzione
3.  Esercizio della facoltà di opzione e decorrenza degli effetti

1. Premessa

L’articolo 2, comma 18, della legge 8 agosto 1995, n. 335,[1] ha stabilito, per i lavoratori iscritti a forme pensionistiche obbligatorie a far data dal 1° gennaio 1996 e privi di anzianità contributiva precedente, un massimale annuo della base contributiva e pensionabile, annualmente rivalutato dall’ISTAT, pari per l’anno 2019 a € 102.543,00[2] (c.d. nuovi iscritti).

Il decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, recante “Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni”, convertito con modificazioni dalla legge 28 marzo 2019, n. 26, all’articolo 21, rubricato Esclusione opzionale dal massimale contributivo dei lavoratori che prestano servizio in settori in cui non sono attive forme di previdenza complementare compartecipate dal datore di lavoro”,prevede: “In deroga al secondo periodo del comma 18 dell’articolo 2 della legge 8 agosto 1995, n. 335, i lavoratori delle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, e all’articolo 3 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, che prestano servizio in settori in cui non risultano attivate forme pensionistiche complementari compartecipate dal datore di lavoro e che siano iscritti a far data dal 1° gennaio 1996 a forme pensionistiche obbligatorie possono, su domanda, essere esclusi dal meccanismo del massimale contributivo di cui al medesimo comma 18. La domanda di cui al primo periodo deve essere proposta entro il termine di sei mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto o dalla data di superamento del massimale contributivo oppure dalla data di assunzione”.

In forza di tale previsione è stata introdotta a favore dei lavoratori pubblici, in presenza di determinate condizioni, la facoltà di optare, entro i termini di decadenza di seguito illustrati, per l’esclusione dall’applicazione del citato massimale contributivo.

2. Lavoratori che possono esercitare la facoltà di opzione

I lavoratori che possono esercitare l’opzione sono i lavoratori delle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, e all’articolo 3 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

Sono comprese nel novero delle pubbliche amministrazioni anche la Banca d’Italia, la Consob e, in linea generale, le Autorità Indipendenti, che sono qualificate amministrazioni pubbliche in conformità al parere n. 260/1999 del Consiglio di Stato, nonché le Università non statali legalmente riconosciute qualificate enti pubblici non economici dalla giurisprudenza amministrativa e ordinaria (cfr. Cassazione SU n. 1733 del 5/03/1996 e n. 5054 dell’11/03/2004, Consiglio di Stato n. 841 del 16/02/2010).

Rientrano nella categoria di personale in regime di diritto pubblico ai sensi dell’articolo 3 del decreto legislativo n. 165/2001:

  • i magistrati ordinari, amministrativi e contabili;
  • gli avvocati e procuratori dello Stato;
  • il personale militare e delle Forze di polizia di Stato;
  • il personale della carriera diplomatica e prefettizia, nonché i dipendenti degli enti che svolgono la loro attività nelle materie contemplate dall’articolo 1 del decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 17 luglio 1947, n. 691, dalla legge 4 giugno 1985, n. 281, e successive modificazioni ed integrazioni, e dalla legge 10 ottobre 1990, n. 287;
  • il personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco (escluso il personale volontario previsto dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 2 novembre 2000, n. 362);
  • il personale della carriera dirigenziale penitenziaria;
  • i professori e i ricercatori universitari, assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato o determinato;
  • le altre categorie di dipendenti per il cui trattamento giuridico le norme legislative rinviano ad una delle categorie sopra richiamate.

Ulteriore condizione per esercitare la facoltà di opzione è che i lavoratori prestino servizio in settori in cui non risultano attivate forme pensionistiche complementari compartecipate dal datore di lavoro.

Considerato che il personale in regime di diritto pubblico il cui rapporto di lavoro è regolato dall’ordinamento di appartenenza è in regime di trattamento di fine servizio (TFS) e risulta, in generale, al momento escluso dalle forme pensionistiche complementari compartecipate dal datore di lavoro, lo stesso rientra tra il personale che può esercitare la suddetta opzione.

La facoltà di opzione può essere esercitata dai dipendenti pubblici aventi diritto, indipendentemente dalla cassa o fondo pensionistico di iscrizione.

Per l’omogenea individuazione dei lavoratori iscritti a far data dal 1° gennaio 1996 a forme pensionistiche obbligatorie (c.d. “nuovi iscritti”) si rinvia alle indicazioni fornite dall’Istituto per gli iscritti alla casse pensionistiche della Gestione pubblica, da ultimo con la circolare n. 58 del 1° aprile 2016 e con il messaggio n. 3020 dell’11 luglio 2016.

3. Esercizio della facoltà di opzione e decorrenza degli effetti

L’opzione va esercitata, a pena di decadenza, nei seguenti termini:

–      dipendenti in servizio alla data del 29.01.2019 (data di entrata in vigore del decreto-legge n. 4/2019):

  • entro sei mesi dal 29.01.2019, se negli anni precedenti la retribuzione imponibile ai fini pensionistici ha superato il massimale contributivo (termine ultimo 29.07.2019);
  • entro sei mesi dalla data del superamento del massimale, se negli anni precedenti al 29.01.2019 la retribuzione imponibile ai fini pensionistici non ha superato il massimale contributivo;

–      dipendenti assunti a decorrere dal 30.01.2019 (giorno successivo alla data di entrata in vigore del decreto-legge n. 4/2019):

  • entro sei mesi dalla data di assunzione o dalla data di superamento del massimale.

Il massimale contributivo è disapplicato a decorrere dal periodo retributivo successivo alla data dell’opzione.

L’opzione deve essere esercitata utilizzando il relativo modulo “AP136” pubblicato sul sito internet dell’Istituto www.inps.it.

Le opzioni trasmesse prima della pubblicazione della presente circolare saranno comunque ritenute utili per l’avvio del procedimento.

Con successivo messaggio saranno comunicate le istruzioni operative per la gestione delle opzioni da parte delle Strutture territoriali. 

Il Direttore generale vicario
Vincenzo Damato


[1]  Art. 2, comma 18, della legge n. 335/1995, secondo e terzo periodo: “Per i lavoratori, privi di anzianità contributiva, che si iscrivono a far data dal 1° gennaio 1996 a forme pensionistiche obbligatorie e per coloro che esercitano l’opzione per il sistema contributivo, ai sensi del comma 23 dell’articolo 1, è stabilito un massimale annuo della base contributiva e pensionabile di lire 132 milioni, con effetto sui periodi contributivi e sulle quote di pensione successivi alla data di prima assunzione, ovvero successivi alla data di esercizio dell’opzione. Detta misura è annualmente rivalutata sulla base dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, così come calcolato dall’ISTAT”.

[2]  Cfr. la circolare n. 6 del 25.01.2019.

 

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 thoughts on “Esclusione opzionale dal massimale contributivo dei lavoratori che prestano servizio in settori in cui non sono attive forme di previdenza complementare compartecipate dal datore di lavoro. Questa norma riguarda anche i militari e poliziotti, che hanno iniziato a lavorare dopo il 31.12.1995”

  1. Ma di fatto a chi interessa la circolare dell’INPS solo a chi ha un reddito superiore al massimale o anche gli altri?
    Grazie della risposta

  2. Come al solito si aspetta sempre il dramma per intervenire….Questa cosa andava subito risolta con qualsiasi mezzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.