Difesa Collettiva: Aeronautica Militare. All’Auditorium del palazzo Aeronautica, l’ultimo convegno del ciclo dedicato alla Difesa Collettiva

Roma, 27 lug 2019 – Comunicato esito convegno Palazzo Aeronautica – Roma. ​”Un velivolo si distingue dagli altri sistemi perché è capace di sviluppare quota, velocità e mobilità. Queste tre caratteristiche ci consentono oggi di porre al servizio del Paese una serie di  capacità che sono sempre più importanti non solo per l’Aeronautica ma anche per le altre Forze Armate, per le altre agenzie del Paese, per gli altri Ministeri. E’ questo il bagaglio che gli uomini e le donne dell’Aeronautica portano nel contesto interforze”. Con queste parole il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Enzo Vecciarelli, è intervenuto oggi presso l’Auditorium di Palazzo Aeronautica all’ultimo convegno del ciclo dedicato alla Difesa Collettiva alla presenza del Ministro della Difesa, Elisabetta Trenta e dei Sottosegretari alla Difesa, Angelo Tofalo e Raffaele Volpi.

Nel suo intervento, il Generale Vecciarelli ha voluto evidenziare che  solo sette mesi fa ha lasciato “questa bellissima realtà fatta di passione, di grandi valori, di coesione interna che vuole essere anche d’esempio per il Paese, di una realtà che si vuole mettere al servizio del Paese prima di tutto per salvaguardarne gli ideali, la cultura e possibilmente salvaguardarne gli interessi con tutti i mezzi a disposizione”.

Gli incontri dedicati alla “Difesa collettiva” costituiscono una importante occasione per coinvolgere attivamente la collettività e avvicinarla al mondo militare. Un percorso che, partendo dalle competenze attribuite al Capo dello Stato e al comando delle Forze Armate, ha lo scopo di far conoscere al cittadino le attività e la struttura di Esercito, Marina Militare, Aeronautica Militare e Arma dei Carabinieri con l’obiettivo di diffondere la cultura della Difesa e della Sicurezza, spiegare fino in fondo i ruoli e le funzioni di tutte le personalità che compongono il comparto Difesa in Italia.

Nel suo discorso la titolare del Dicastero ha evidenziato come in 96 anni di vita, l’Aeronautica abbia assolto in modo completo ed efficace tutti i suoi compiti istituzionali. Perfettamente integrata nell’ambito dello strumento militare nazionale, è sempre più apprezzata anche nel contesto internazionale per contrastare la minaccia del terrorismo, nei cieli del Mediterraneo Centrale, del Medio Oriente, nei Balcani, in Libano e in grado di fornire protezione anche a molti Paesi amici sprovvisti di capacità e strutture di difesa aerea nell’ambito dell’attività di “air policing” della NATO.

Ha ricordato, inoltre, il premio “Rafcte Trophy” come miglior Pattuglia Acrobatica al Royal International Air Tattoo di Fairford, assegnato recentemente alle Frecce Tricolori. La titolare del Dicastero ha quindi rinnovato i suoi complimenti al Colonnello Luca Parmitano, designato quale Comandante della missione “Beyond” dell’Agenzia Spaziale Europea a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Dell’Aeronautica fanno parte 44.000 uomini e donne, civili e militari, tra cui 1200 piloti. Dispone di 560 aerei ed elicotteri che operano da 20 aeroporti militari e volano per circa 100.000 all’anno. Restando sui numeri, dall’inizio dell’anno gli Eurofighter si sono alzati in volo per difesa aerea 22 volte, gli elicotteri di soccorso hanno effettuato 16 interventi SAR (Search and Rescue). Dal 1 gennaio ad oggi, sono stati inoltre effettuati 53 voli d’urgenza per trasportare persone in imminente pericolo di vita. Altre 13.000 persone sono state trasportate nei teatri operativi. (documento di www.difesa.it)

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.