MISSIONI MILITARI: il contributo dell’Arma dei Carabinieri alle Operazioni militari all’estero

Roma, 29 lug 2019 – QUANDO SI PARLA DI MISSIONI MILITARI E GUERRA DI PACE SI PENSA SEMPRE AI MILITARI CLASSICI DELLE FORZE ARMATE. MA NON TUTTI SANNO CHE ANCHE I CARABINIERI ESSENDO MILITARI (SONO CLASSIFICATE COME FORZE DI POLIZIA AD ORDINAMENTO MILITARE), PARTECIPANO ATTIVAMENTE E NUMEROSI NELLE VARIE MISSIONI INTERNAZIONALI. DA SEMPRE. Infatti l’Arma dei Carabinieri, contribuisce allo svolgimento delle principali missioni alle quali l’Italia partecipa per il sostegno della pace sin dal 1855.

SEGUE NOTA DAL SITO DELLA DIFESA.IT

Da quando un Corpo di Spedizione formato anche da militari dell’Arma dei Carabinieri Reali fu inviato in Crimea, l’Arma, nella sua duplice veste di Forza militare e di polizia, ha preso parte alle più significative esperienze nazionali condotte sotto egida ONU, NATO, OSCE o di coalizioni di volenterosi. All’estero, i Carabinieri garantiscono, in via esclusiva, le funzioni di Polizia Militare in supporto dei contingenti nazionali schierati e la sicurezza delle sedi diplomatiche italiane e, a livello internazionale, giocano un ruolo da protagonisti nello spettro delle attività di Polizia di Stabilità, che comprendono il monitoraggio del rispetto dei diritti umani, l’addestramento, la consulenza e l’assistenza delle Forze di Polizia locali, ove inesistenti o collassate e l’imposizione della legge (Law Enforcement). In tale settore d’intervento, in particolare, spicca il contributo assicurato dall’Arma con i Reggimenti MSU (Multinational Specialized Unit) e IPU (Integrated Police Unit), ove l’Istituzione ha saputo trasferire l’expertise, la struttura e le modalità operative impiegate in Patria dalle sue diversificate componenti.

La formula MSU – sperimentata con successo nel 1998 in Bosnia e, successivamente, impiegata nel 1999 in Kosovo ed in Albania nonché nel 2003 in Iraq – ha raccolto un diffuso consenso a livello internazionale, coinvolgendo numerose altre F.P. ad ordinamento militare europee.
Gli assetti MSU/IPU operano per “moduli” che esprimono, in particolare, capacità di:

  • gestione dell’ordine pubblico;
  • prevenzione e law enforcement in materia di sicurezza pubblica;
  • attività info-investigativa e intelligence criminale;
  • antiterrorismo;
  • ricerca e cattura di criminali di guerra;
  • contributi e consulenze in materie specialistiche come la tutela dell’ambiente, del patrimonio culturale e delle investigazioni scientifiche.

I Teatri esteri ove l’Arma dei Carabinieri ha operato ed opera, sin dalla fine degli anni 90 sono, l’Albania, la Bosnia, il Kosovo, l’Iraq, l’Afghanistan, Israele (cisgiordania), Haiti, la Striscia di Gaza, Cipro, la Georgia, il Congo, il Libano, la Libia, il Mali, il Congo, il Niger, la Lituania, Gibuti e la Somalia. Tra le più recenti iniziative operative, si segnala l’avvio di dedicate missioni addestrative in favore delle unità di polizia somale, gibutine, palestinesi e irachene tese alla costituzione di forze di polizia con i caratteri tipici delle gendarmerie, cioè la duplice capacità di polizia e tattico militare.

Per conoscere nello specifico le Missioni operative fuori area, le Missioni UE, altre missioni conseguenti ad accordi multinazionali o bilaterali, la cooperazione militare internazionale strutturata e tutte le altre attività svolte all’estero, vi invitiamo a consultare la pagina dedicata a questo link.

(DIFESA.IT)

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.