OMICIDIO CERCIELLO REGA / COSA RISCHIA IL CARABINIERE CHE HA BENDATO L’AMERICANO? PER L’AVVOCATO SOLO LA SOSPENSIONE DAL SERVIZIO

 

Roma, 31 lug 2019 – Giorgio Carta, è un avvocato che difende da molti anni i militari in diversi processi. In una intervista al Giornale.it leggiamo la sua opinione in merito:

“Posso immaginare la rabbia provata nell’arrestare le due persone accusate di aver assassinato il loro collega, ma sono sicuro che l’azione è stata gestita con assoluta professionalità e nel pieno rispetto delle regole”.

Scommessa azzardata, certo. Ma fondata su ragionamenti giuridici. E mentre la procura di Roma assicura massimo rigore nell’accertare i responsabili della “foto della vergogna”, per Carta dalle indagini non scaturiranno condanne penali. Niente di rilevante, quindi, se non sul piano disciplinare. Il motivo? “Bendare un fermato non è necessariamente un reato”.

Avvocato, lei dice di no. Ma molti assicurano che la bendatura configuri più di un illecito.
Ho letto ricostruzioni fantasiose che non condivido e che soffiano sul fuoco mai sopito dell’anti-polizia.

L’ articolo 608 del codice penale punisce con 30 mesi di carcere il pubblico ufficiale che “sottopone a misure di rigore non consentite dalla legge” un arrestato.
È vero: la legge non prevede la bendatura, ma neppure la vieta. Chi dice che non è consentita?

CONTINUA  A LEGGERE SU ILGIORNALE.IT>>>>>

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One thought on “OMICIDIO CERCIELLO REGA / COSA RISCHIA IL CARABINIERE CHE HA BENDATO L’AMERICANO? PER L’AVVOCATO SOLO LA SOSPENSIONE DAL SERVIZIO”

  1. Lo dice chi vuole cavalcare l’onda dell’anti polizia. Chiunque (FFOO) possono bendare l’arrestato magari perché al momento non hanno luoghi adatti per la sua custodia e in quella stanza non poteva vedere ciò che si stava verificando é forse un reato… e non solo questo, di giustificazione c’è ne sono, ma perché oggi l’Arma si deve giustificare anche se é stata pubblicata una foto che non andava inoltrata e forse solo questo é si di natura disciplinare e non penale, il resto vediamo che vale più quella considerazione politica che giornalmente comprime l’operato delle forze di polizia in maniera negativa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.