Raduno Lagunari Esercito. Una festa che durera’ fino a domenica 22 settembre 2019

Venezia, 16 set 2019 – UN CORPO STORICO CHE HA LE SUE RADICI A PARTIRE DAL 1.202. UN RADUNO CHE DURERA’ FINO A DOEMNICA 22/9. UN EVENTO DA NON PERDERE. Iniziato sabato 14/9 e fino al 22 settembre avrà luogo a Portogruaro il 13/o Raduno nazionale dei Lagunari in congedo ed in servizio del reggimento “Serenissima”, eredi dei Fanti da Mar della Repubblica di Venezia. L’evento, che gode del Patrocinio dell’Esercito Italiano, della Regione Veneto e della Città Metropolitana di Venezia, avrà un programma che prevede, oltre alla tradizionale cerimonia militare ed allo sfilamento di migliaia di radunisti di domenica 22 settembre, manifestazioni culturali a favore della cittadinanza e la partecipazione di gruppi di rievocatori storici legati alla storia del Veneto e d’Italia. Inoltre, venerdì 20 settembre nel pomeriggio un team di lagunari in servizio, i moderni Fanti da Mar della Serenissima, condurrà presso il locale stadio una dimostrazione tattica di discesa rapida con funi da elicotteri in volo stazionario. Nell’arco delle giornate interessate all’evento, si prevede la partecipazione di circa 15.000 persone. ANSA.

ORA UN PO’ DI STORIA DI QUESTO PRESTIGIOSO CORPO. SE NE HA NOTIZIA GAI’ DAL LONTANO 1.202.

Reggimento lagunari “Serenissima”

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Il Reggimento Lagunari “Serenissima” è l’unico reparto di fanteria d’assalto anfibio dell’Esercito Italiano.

Quella dei lagunari è la più giovane specialità dell’Arma di Fanteria (9 gennaio 1951) ma vanta la più antica storia (1202) poiché sono gli eredi dei Fanti da Mar della “Serenissima”. Il reparto si addestra nella laguna di Venezia e lungo il litorale Adriatico[2].

Insieme alla Brigata marina “San Marco” della Marina Militare, forma la Forza di proiezione dal mare, componente anfibia delle Forze armate italiane.

La Storia

I lagunari sono l’unico reparto d’assalto anfibio dell’Esercito Italiano, mentre i Fucilieri di Marina del 1º Reggimento della Brigata San Marco fanno parte della Marina Militare. Tra i due reparti vi è però sia una comunanza di impiego (sono unità anfibie), sia la comunanza dei simboli (i simboli di Venezia).

I Lagunari si riallacciano alle tradizioni marinare della fanteria di marina della Serenissima Repubblica di Venezia istituiti dal Doge Enrico Dandolo nel 1202 e trasformati nel corso del XVI secolo in Fanti da Mar. Questa illustre tradizione viene evidenziata dalle mostreggiature che i Lagunari portano sulle uniformi e che rappresenta il leone alato di Venezia visto di fronte (in moleca).

Oltre ai simboli sulle uniformi i moderni Lagunari usano il grido di battaglia “San Marco!” che dal 1951 pronunciano nel presentare le armi (i “Fanti da mar” erano soliti gridare “Viva San Marco!” dopo ogni vittoria sul campo di battaglia). L’istituzione dei “Fanti da Mar”, che si può far risalire agli inizi del XVI secolo, era stata resa necessaria dal ruolo centrale giocato dalla “Serenissima” nel contesto internazionale e della necessità di difendere i domini oltremare da eventuali attacchi provenienti dall’Impero Ottomano. Questo richiamo ai forti veneziani oltremare è riportato attualmente nel simbolo araldico ufficiale del reggimento.

Durante la seconda guerra mondiale per la progettata invasione di Malta l’alto comando nel 1942 prevedeva una forza da sbarco che insieme al Reggimento San Marco della Regia Marina comprendeva un reparto da sbarco della MVSN, il Gruppo Battaglioni “M” di Camicie Nere da Sbarco e la divisione di Fanteria Superga, che per alcuni mesi si addestrarono in Corsica. Approfondisci qui >>>

 

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.