Cocer su caso Casamassima, Sindacato dei Militari: dichiarazione è espressione del vertice come “usi obbedir tacendo”? Forte con i deboli e debole con i generali. Un intervento di Luca Marco Comellini e Grazioso Cosentino, Segretario Generale e Segretario Generale Aggiunto del Sindacato dei Militari

Roma, 18 set 2019 – DOMANI (19/9) SE NE PARLERA’ ANCHE SU RADIO RADICALE, ALLE ORE 15.15, NELLA CONSUETA RUBRICA “CITTADINI IN DIVISA”. TUTTI CONTRO IL CARABINIERE CASAMASSIMA? PERCHE’? Cosa si nasconde dietro questi interventi? Riprendiamo di seguito una interessante dichiarazione di Luca Marco Comellini e Grazioso Cosentino, Segretario Generale e Segretario Generale Aggiunto del Sindacato dei Militari, sulla questione CASAMASSIMA.

“Abbiamo appreso dai mezzi d’informazione che il Cocer dei Carabinieri è sceso in campo contro l’Appuntato dell’Arma dei Carabinieri Riccardo Casamassima, l’unico testimone che ha consentito all’A.G. competente di riaprire il procedimento penale teso a chiarire le cause, nonché i responsabili, della morte di Stefano Cucchi.

Sulla questione la rappresentanza militare si è già espressa per difendere i carabinieri coinvolti nella morte del ragazzo trentenne e il generale Casarsa e, infine, per attaccare l’unico graduato che con la sua dichiarazione ha provocato una breccia nel muro di gomma del sistema Arma, consentendo all’A.G. di svolgere le indagini che hanno portato a processo i militari coinvolti.

In data odierna un articolo, pubblicato su un quotidiano nazionale, riporta l’intervento con cui il Cocer rimprovera al graduato Riccardo Casamassima di avere offeso la categoria dei militari impiegati presso ogni porta carraia di ogni reparto dell’Arma dei carabinieri.

Il contenuto della comunicazione dell’organismo di rappresentanza dell’Arma è strumentale e pretestuoso e appare chiaramente finalizzato a screditare l’Appuntato Casamassima nei confronti di quanti, cittadini comuni e carabinieri sani, a migliaia gli hanno espresso solidarietà.

Riccardo Casamassima ha soltanto riferito pubblicamente di un suo demansionamento, di un profilo d’impiego diverso dal precedente la cui conseguenza più immediata è stata quella di arrecargli in un danno economico, una decurtazione del suo già magro stipendio.

L’atteggiamento assunto dalla rappresentanza militare non ci sorprende più di tanto, avremmo preferito che il Cocer continuasse a tacere cosi come ha fatto fino adesso. Avremmo preferito che il Cocer non si occupasse di un solo militare, Riccardo Casamassima, ma di tutti coloro che ogni giorno rischiano la propria vita per il bene della collettività.

Ancora una volta la rappresentanza militare, le cui esternazioni sono puntualmente autorizzate dai vertici dell’Arma dei carabinieri, ha dimostrato di essere forte con i deboli e debole con i generali. Il Cocer ha perso l’ennesima buona occasione per tacere.

A questi coraggiosissimi delegati del Cocer Carabinieri rivolgiamo l’invito a confrontarsi pubblicamente sulle ragioni della loro comunicazione contro Casamassima e per questa ragione li attendiamo domani, 19 settembre alle ore 15.15 presso gli studi di Radio Radicale, dove sarà registrata la puntata della Rubrica “Cittadini in divisa” che verrà messa in onda lunedì 23 settembre alle ore 23:00.

Ad attenderli ci saranno, oltre al conduttore della rubrica e Segretario Generale del Sindacato dei Militari, Luca Marco Comellini, anche Grazioso Cosentino, Segretario Generale Aggiunto del Sindacato dei Militari e gli Avvocati Serena Gasperini e Daniele Fabrizi difensori di Riccardo Casamassima nei procedimenti penali ordinari e militari.” Cosi’ Luca Marco Comellini e Grazioso Cosentino, Segretario Generale e Segretario Generale Aggiunto del Sindacato dei Militari.

 

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 thoughts on “Cocer su caso Casamassima, Sindacato dei Militari: dichiarazione è espressione del vertice come “usi obbedir tacendo”? Forte con i deboli e debole con i generali. Un intervento di Luca Marco Comellini e Grazioso Cosentino, Segretario Generale e Segretario Generale Aggiunto del Sindacato dei Militari”

  1. Sono loro che offendono i colleghi, basta vedere di differenza in danaro cosa prendono in più in busta paga cn un loro pari grado, che lavora su strada fà di più degli orari previsti e chissà se gli verrà pagato lo straordinario xchè serve x i burocrati, cari cocer postateci le vs diarie le vs spese e poi vediamo chi offende

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.