ENNESIMO BAGNO DI SANGUE / INFORTUNI PERMANENTI SULLA PELLE DEI NOSTRI MILITARI IN IRAQ.

Roma, 11 nov 2019 – NE VALE LA PENA? L’Italia ripudia la guerra come risoluzione alle controversie internazionali. Lo dice la nostra Carta Costituzionale. Ma si muore ancora in terra straniera. Non siamo entrati in guerra ma ci troviamo sempre in zone di “morte”. Prima e’ stata l’America a portarci in una guerra facendo carte false e farle accettare a tutto il mondo. La cosa grave e’ che il resto del mondo, Italia compresa, le accetto’, senza dire nulla, senza fare le loro indagini, senza mettere al lavoro i propri servizi segreti. Saddam era pericoloso perche’ aveva armi chimiche; questo raccontavano gli americani. Armi chimiche mai trovare e ormai è cosa accettata pacificamente da tutti. Fu un inganno, e tutti ci abbiamo voluto credere. Oggi gli stessi americani finito il loro lavoro sporco, i loro interessi, ci hanno lasciato una Iraq instabile, in mano a terroristi. Si moriva allora come si muore ancora oggi. Ne vale proprio la pena perdere i nostri migliori uomini per colpa altrui?

Una missione economicamente costosa e molto piu’ costoso è il prezzo delle vite umane che lasciamo sul terreno. Italiani, militari, padri di famiglia, ragazzi che per uno stipendio rischiano di morire, di rimanere offesi a vita. Questa volta per fortuna nessuno e’ morto: ma ci sono 5 feriti sul terreno. Tre dei quali molto gravi: uno ha subito l’amputazione di un piede; un altro ha un piede frantumato e un altro ha lesioni interne. Danni permanenti che cambieranno la loro vita per sempre.

Come tutte le missioni, i cittadini Italiani fanno fatica a capirne il senso. E si fanno delle domande: perche’ spendere soldi su territori dove sono stati gli americani a creare danni irreversibili? Che interesse ne trae la nostra nazione? Un interesse politico? Economico? E cosa ci facciamo con questi interessi? Dove sono i benefici per la nostra nazione? E’ bene che di queste missioni se ne parla di piu’ e si scoprano le carte, perche’ vogliamo sapere.

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.