ESERCITO / C.A.T., concluse le tre “livex” di novembre. Ai Centri di addestramento tattico di Monte Romano, Brunico e Torre Veneri si chiudono le esercitazioni livexComunicato stampa

Roma, 27 nov 2019 – Negli scorsi giorni si sono concluse tre esercitazioni “livex” che – nell’ambito della programmazione delle attività addestrative del 2019 del Centro di Simulazione e Validazione dell’Esercito (Ce. Si. Va.) e dei dipendenti Centri di Addestramento Tattico (C.A.T.) – erano previste per il mese di novembre. Nel dettaglio presso il C.A.T. di Monte Romano (VT) si è svolta la “livex” denominata “Scorpione 6/2019”.

L’esercitazione era finalizzata a testare e addestrare il 5° reggimento “Lancieri di Novara” nelle attività di vigilanza e presidio di obiettivi puntiformi e areali; al pattugliamento appiedato e motorizzato in zone estese e aree urbane; alla difesa di siti sensibili; al trattamento dei feriti, ecc…

Nel C.A.T. di Brunico si è invece sviluppata l’esercitazione denominata “Aquila 6/2019”, concepita per addestrare il 1° plotone del 9° reggimento f. "Bari" al mantenimento degli standard operativi in ambiente urbanizzato (warfighting) e in particolare nelle attività di: procedure di comando e controllo; cinturazione d’area; pianificazione e condotta di un rastrellamento di un abitato; pianificazione e condotta della difesa di un abitato; movimento per il contatto.

Infine, negli stessi giorni, presso il Centro di addestramento tattico di Torre Veneri (Le), è stata messa in atto l’esercitazione “Centauro 7/2019” a favore degli ufficiali appartenenti al 199° Corso Tecnico Applicativo della Scuola di Cavalleria. Lo scopo della “livex” in questo caso era quello di testare la capacità degli esercitati a svolgere attività tattiche offensive e difensive nel combattimento classico contro forze regolari, irregolari e criminali, con capacità operative medio-elevate.

Lo scopo delle esercitazioni “livex” è quello di permettere alle unità addestrate di operare in ambienti reali utilizzando le armi individuali, i veicoli e i sistemi d’arma in dotazione. L’attività, condotta in due distinti momenti, vede una fase di preparazione comprendente lo studio dello scenario e degli obiettivi addestrativi, nel corso della quale sono stati schierati i sensori di rilevamento sul campo e i dispositivi mobili per il controllo e la valutazione dell’esercitazione, e una fase di condotta che si è sviluppata con azioni continuative sul terreno di 36/48 ore costantemente seguite da osservatori/controllori e analisti in grado di monitorare e valutare i processi decisionali dei Comandanti di ogni livello e il comportamento delle unità sul terreno.

 

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.