PUBBLICA AMMINISTRAZIONE / Il ministro Fabiana DADONE all’associazione Vittime del dovere: “Stop discriminazioni”

Roma, 29 nov 2019 – NO A DISCRIMINAZIONE TRA FAMILIARI DELLE VITTIME DEL DOVERE. Comunicato Ministro PA: “Non è accettabile alcuna discriminazione, morale e materiale, tra i familiari dei servitori dello Stato, appartenenti alle forze dell’ordine, militari o magistrati, che hanno perso la vita per il loro impegno a beneficio di tutta la collettività”.

Si è rivolta così il Ministro Fabiana Dadone ai vertici dell’Associazione di volontariato “Vittime del Dovere”, ricevuti a Palazzo Vidoni. “I congiunti della vittima di un criminale comune – ha aggiunto il Ministro -, vanno ricordati, onorati e difesi esattamente come i figli, i genitori o le vedove di una vittima del terrorismo o della mafia. Dopodiché, è indispensabile garantire a tutti maggiori tutele. Inoltre, si deve fare in modo che venga riconosciuto in modo effettivo, a partire dalle pubbliche amministrazioni, il diritto al collocamento obbligatorio in seno alle categorie protette, con chance lavorative all’altezza della qualifica e della professionalità possedute. I bandi devono sempre contemplare in modo esplicito questa categoria di persone, cosa che oggi non accade. E le amministrazioni devono indicare in modo più trasparente il proprio fabbisogno di personale in seno alle categorie protette.”

“C’è tanto da fare – ha concluso il Ministro – ma non stiamo con le mani in mano. Perché lo Stato non può che essere sempre grato a chi si è sacrificato per proteggerne i valori e l’integrità”. (funzionepubblica.gov.it)

 

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.