Wuhan, Cina. Sono circa 80 gli Italiani che saranno rimpatriati con un aereo della nostra Aeronautica Militare. Destinazione: 15 giorni di quarantena nella Cittadella Militare della Cecchignola di Roma

Rifornimento in volo. Aereo KC-767A, P.180, G550 CAEW., dell’Aeronautica Militare. 14° Stormo di Pratica di Mare. FOTO: aeronautica.difesa.it

Roma, 1 feb 2020 – Il rientro degli italiani da Wuhan. Destinazione la Cecchignola. Allestito uno spazio per la quarantena e altri spazi per eventuali casi di infezione dal coronavirus. Sarà utilizzato un aereo KC-767A del 14° Stormo dell’Aeronautica Militare. Forse sara’ anche rifornito in volo, per evitare tappe intermedie.  Per quanto riguarda gli Italiani che si trovano in Cina, “nella notte tra il 2 e il 3 febbraio cioè lunedì mattina atterreranno in Italia i nostri connazionali, circa 80 che in questo momento sono a Wuhan. Ovviamente saranno sottoposti a un regime sanitario qui in Italia in un luogo dedicato”, ha dichiarato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio parlando in teleconferenza con l’ambasciatore italiano in Cina Luca Ferrari. A riportare i nostri connazionali in patria, ha fatto sapere il ministero della Difesa, sarà un aereo KC-767A del 14° Stormo dell’Aeronautica Militare. Gli italiani rimpatriati saranno trasferiti in una “idonea struttura per la sorveglianza sanitaria di soli 15 giorni”. Il ministro Guerini, da Washington, è “costantemente in contatto con l’Italia” per seguire le operazioni di rimpatrio.

 

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.