USTICA E BOLOGNA. STORIA DI UN TESTIMONE SCOMPARSO. di Claudio Pizzi. STORIA E MISTERI D’ITALIA

Roma, 14 feb 2020 – Grazie alla gentile concessione di Claudio PIZZI, vi segnaliamo la lettura della “STORIA DI UN TESTIMONE SCOMPARSO”. Questi gli argomenti trattati: 1. Gheddafi e Jalloud. Una coppia affiatata, o forse no. 2 Ascesa e discesa di Jalloud. 3. La metamorfosi di Jalloud. 4. Jalloud nell’anno delle stragi. 5. Ustica: un delitto per procura?

1. Gheddafi e Jalloud. Una coppia affiatata, o forse no.
In un articolo del 20.2.2011 pubblicato sul suo sito personale con il titolo Major Jalloud, il noto e discusso giornalista americano Joseph Cringely (pseudonimo di Mark Stephen) dedicava un’analisi  alla figura di un uomo che per molti anni in Libia ha avuto un ruolo di massimo  rilievo, anche se  poco evidenziato dai media: il Maggiore Abdelsalam Jalloud.

   L’articolo di Cringely cominciava sottolineando le somiglianze tra Castro e Gheddafi. Ambedue erano autocrati di fatto, anche se   in apparenza subordinati a organismi rivoluzionari creati da loro stessi; ambedue   facevano appello all’ emotività delle masse con l’oratoria logorroica e con uno studiato apparato scenico – uniforme militare e   baseball per Castro, tenda e vestito da cammelliere per Gheddafi.  Cringely osservava che, come molti dittatori, Gheddafi aveva bisogno di qualche soggetto completamente affidabile su cui scaricare il lavoro sporco e a cui assegnare la parte del cattivo, un ruolo che il suo braccio destro Jalloud aveva tutte le caratteristiche per ricoprire.  Cringely avrebbe potuto notare un altro aspetto che accomunava Gheddafi a Castro, e cioè il nepotismo:  lo spietato capo dei servizi segreti esteri Abdullah al-Senussi,  cognato di Gheddafi perché sposato con la sorella della seconda moglie,  era anche cugino di Jalloud e  membro della sua stessa tribù.  

Se questo argomento ti interessa puoi continuare a leggerlo sul sito di Claudio PIZZI, clicca qui >>>

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.