Coronavirus, casi sulle navi militari San Giusto e San Giorgio: equipaggi a bordo in quarantena a Brindisi.

Roma, 13 mar 2020 – BLOCCARE SUBITO TUTTE LE ATTIVITA’ ORA “INUTILI” DELLE FORZE ARMATE. PRESERVARE IL PERSONALE MILITARE PER ALTRE ESIGENZE AL SEVIZIO DELLE POPOLAZIONI. CHIUDERE TUTTE LE MENSE DI SERVIZIO. ADOTTARE UN ORARIO DI LAVORO UNICO DAL LUNEDI’ AL VENERDI (7-13 oppure 8-14) PER IL PEROSNALE CHE DEVE PER FORZA RIMANERE A CUSTODIA DELLE CASERME. LASCIARE A CASA IL RIMANENTE PERSONALE “A DISPOSIZIONE” RIMANENDO REPERIBILE NELL’ORARIO DI LAVORO.

Se continuiamo cosi’ alletteremo tutto il personale militare, con tutte le conseguenze del caso. E RICHIAMARE I MEDICI E INFERMIERI IN AUSILIARIA.

Vediamo ora cosa succede sulle navi. (IlGiornale.It)

Su due navi della Marina militare italiana scoppia l’epidemia di coronavirus e i rispettivi equipaggi sono bloccati a botdo in quarantena. Si tratta – si apprende dallo stato maggiore della Marina – delle navi anfibie San Giusto e San Giorgio, entrambe ormeggiate presso la base navale di Brindisi. Ancora ignoti il numero di casi segnalati e dei membri dell’equipaggio in isolamento. (Vedi qui).

 

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.