SHOCK NEL MONDO DELLE FORZE ARMATE / Una tragedia personale. Militare di Firenze spara alla compagna e la uccide con 3 colpi di pistola ravvicinati

Cuneo , 23 mag 2020 – Lite nell’auto, nel parcheggio davanti al supermercato. Poi chiama il 112: «Ho ucciso una donna, sono armato. Mi arrendo». «Ho ammazzato una donna, le ho sparato. Sono un militare, ho due pistole con me. Voglio costituirmi, venite a prendermi, non farò resistenza». Non dice altro Francesco Borgheresi, militare poco più che quarantenne nato a Firenze. Con amici a Firenze.  Nato nel 1978 e fino all’età di 20 anni  vissuto nella comunità “Il Forteto” di Vicchio, in provincia di Firenze, al centro di processi per violenze sessuali e maltrattamenti conclusi con numerose condanne in base a quanto evidenzia l’Associazione vittime del Forteto, precisando che Borgheresi non era uno dei bambini affidati, dal tribunale di Firenze, alla comunità di Rodolfo Fiesoli, detto il Profeta, bensì figlio di soci fondatori della comunità.

Borgheresi non dice neppure che la donna che ha assassinato con 3 colpi di pistola sparati a bruciapelo era la sua compagna. O comunque una donna con la quale aveva (o aveva avuto) una relazione. Si limita a confessare il crimine. Poi riappende. La telefonata al 112 l’ha fatta dal parcheggio dell’Auchan di Cuneo, quasi mezz’ora dopo l’omicidio.

Barcollava fra le auto, in stato confusionale… L’articolo completo continua sul Giornale IlTirreno, clicca qui >>>

 

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.