INFO TAGLIO CUNEO FISCALE DAL CUSI/DIFESA. Nota nr. 10. Decorrenza: 1° luglio 2020. (Se si seguono le istruzioni suggerite dal CUSI, ognuno che supera i 28.000 euro lordi annui puo’ scoprire quanto deve prendere al mese)

Roma, 7 lug 2020 – ANCORA SUL TAGLIO DEL CUNEO FISCALE BUSTE PAGA ENTRATO IN VIGORE DAL 1° LUGLIO 2020. Premiati giustamente i redditi piu’ bassi (quale sostegno al reddito). Per il personale anziano che supera i 35.000 euro lordi annui, il vantaggio si concretizza in poche decine di euro al mese, fino ad azzerarsi raggiunti i 40.000 euro lordi annui. E’ possibile che oggi qualcuno li prende, per restituirli il prossimo anno per cambio di fascia di reddito superiore: basta una promozione di grado avvenuta nel 2020 per azzerare il piccolissimo vantaggio, che lo ricordiamo dura fino al 31.12.2020.

Viene precisato che il taglio del cuneo fiscale sara’ applicato sullo stipendio di luglio 2020 per gli stipendi lordi annui fino a 28.000 euro (periodo di percezione: 6 mesi, da luglio a dicembre 2020 e poi prosegue nel 2021). E dal mese di agosto 2020 (compreso dell’arretrato di luglio) per gli stipendi annui lordi compresi tra i 28.001/40.000 euro (periodo di percezione: solo 6 mesi, da luglio 2020 a dicembre 2020). Per questi redditi (superiori a 28.001 euro lordi annui), la legge rimanda ad una riforma sostanziale del sistema fiscale per i lavoratori. Riforma ancora da studiare e da approvare.

Segue nota del CUSI/DIFESA NR. 10/2020.

Benefici fiscali introdotti dal Decreto Legge del 5 febbraio 2020, n. 3, convertito con Legge del 2 aprile 2020, n. 21.

Il Decreto Legge 3/2020, convertito con Legge nr. 21 del 2 aprile 2020, recante «Misure urgenti per la riduzione della pressione fiscale sul lavoro dipendente.», ha introdotto importanti novità in materia fiscale rimodulando l’entità del taglio al cd. “cuneo fiscale”.

In particolare:

1.    Art. 1  – Redditi fino a 28.000 euro

L’articolo 1 riconosce, a partire dal 1° luglio 2020, per i redditi fino a 28.000 euro, “…una somma a titolo di trattamento integrativo, che non concorre alla formazione del reddito, di importo pari a 600 euro per l’anno 2020 e a 1.200 euro a decorrere dall’anno 2021,…”.

Si tratta, in pratica, di un bonus Irpef di 100 euro mensili, riconosciuti, a partire dalle competenze del mese di luglio 2020, ai percettori di un reddito annuo lordo presunto di € 28.000.

Tale bonus sostituisce il cd. “bonus Renzi” di cui al Decreto Legge n. 66/2014 (80 euro mensili per i redditi fino a 24.000 euro con riduzione progressiva per i redditi fino a 26.000 euro).

NoiPA, con circolare in data 24 giugno 2020, ha comunicato che per il nuovo bonus Irpef:

– può essere utilizzata la funzionalità self service già in uso per la gestione del Bonus Irpef di cui al Decreto Legge n. 66/2014, con la possibilità di optare, quindi, per l’eventuale rinuncia alla percezione mensile del bonus;

– per coloro che, attraverso la modalità self service, avevano già effettuato la rinuncia alla percezione mensile del bonus Renzi, tale rinuncia è acquisita automaticamente per il nuovo trattamento;

– in considerazione dei più elevati limiti di reddito che danno accesso al nuovo beneficio, è possibile rispristinare la percezione mensile, accedendo alla medesima funzionalità self service.

2.    Art. 2 – Redditi compresi tra 28.000 e 40.000 euro

L’articolo 2 riconosce, inoltre, a partire dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2020, per i redditi compresi tra 28.000 e 40.000 euro:

a)    480 euro, aumentata del prodotto tra 120 euro e l’importo corrispondente al rapporto tra 35.000 euro, diminuito del reddito complessivo, e 7.000 euro, se l’ammontare del reddito complessivo e’ superiore a 28.000 euro ma non a 35.000 euro;

Esempio di calcolo:

Reddito annuo lordo: 32.536,00 €

Rapporto moltiplicazione (35.000 – 32.536)/7.000 = 0.352

Bonus spettante 480,00 € + (120*0.352= 42,24 €) = 520,24 €

b)    480 euro, se il reddito complessivo e’ superiore a 35.000 euro ma non a 40.000 euro; la detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 40.000 euro, diminuito del reddito complessivo, e l’importo di 5.000 euro.

Esempio di calcolo:

Reddito annuo lordo: 39.210,00 €

Rapporto moltiplicazione (40.000 – 39.210)/5000 = 0.158

Bonus spettante  480 *0.158 = 75,84 €

NoiPA, ha comunicato, con la medesima circolare del 24 giugno, che: “Per tale ulteriore detrazione non è possibile gestirne la rinuncia in modalità self service.”

Il trattamento integrativo di cui all’art. 1 sarà applicato dalla mensilità di luglio 2020.

L’ulteriore detrazione di cui all’art. 2, ferma restando la decorrenza 1° luglio, sarà invece applicata sulla mensilità di agosto.

Nel riquadro dedicato alle detrazioni del cedolino stipendiale verrà esposto il totale della detrazione lavoro dipendente e dell’ulteriore detrazione; inoltre, se quest’ultima è valorizzata, sarà prodotto un messaggio con il dettaglio delle detrazioni.

La norma ha infine previsto, per entrambe le detrazioni che, qualora nelle operazioni di conguaglio fiscale, il bonus e/o dell’ulteriore detrazione dovessero risultare non spettanti, il debito, se superiore a 60,00 € verrà rateizzato in 8 rate. 

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.