Tutti gli sfratti anche della Difesa sono bloccati fino al 31 dicembre 2020. Anche quelli in corso. Le reazioni scomposte di Confedilizia.

Roma, 7 lug 2020 – UNA BUONA NOTIZIA PER CHI HA IN CORSO UNO SFRATTO ALLOGGIATIVO. Segue intervento di CASADIRITTO. Sembrava arduo. In un groviglio di quasi 10.000 emendamenti, in fase di conversione in Legge del Decreto Legge n. 34/2020 ( Decreto Rilancio) nella sera di Domenica 28 giugno, la V Commissione Bilancio della Camera dei Deputati, ha approvato la proposta emendativa Art. 17/bis firmata dai Deputati FASSINA e MURONI, LeU, PIZZOPANE, PD, votata e approvata.

L’emendamento si aggancia all’art. 103 del comma 6 D.L. 17 marzo 2020 n. 18 e i suoi effetti prorogano dal 1 settembre 2020 al 31 dicembre 2020, la sospensione dell’esecuzione degli sfratti di immobili ad uso abitativo e non abitativo.

In poche parole anche per gli alloggi della Difesa entrerà in vigore tale norma, che si aggancerà automaticamente alla data originaria che già aveva bloccato gli sfratti al 1 settembre 2020. I Comandi Militari ne dovranno prendere atto per i provvedimenti attualmente in corso e per quelli in corso di emissione.

IL PARTITO DEL “ MATTONE” ALZA LA VOCE.
E’ superfluo raccontare i particolari e le peripezie per ottenere tale risultato, al quale si opponeva il “partito del mattone”. A posteriori basta leggere i contenuti di molti organi di stampa, che per la maggior parte, nella mattina del giorno dopo ( Domenica 29) preferiscono mettere in risalto la voce univoca della potente CONFEDILIZIA, che strilla e sbraita, e tali organi non fanno cenno che questo provvedimento, in queste particolari condizioni sanitarie ed economiche, è quanto di più giusto in una società che continuiamo a chiamare civile.

Ecco di seguito, una miscelane di giornali del 29 giugno:

IL MESSAGGERO: Confedilizia, “Atto irresponsabile. E’ un atto da irresponsabili e un insulto al diritto di proprietà”;
LA REPUBBLICA, idem riportando la dichiarazione dell’ “arrabbiato” Giorgio Spaziani Testa,Presidente Confedilizia;
IL SOLLE 24 ORE: laconico, prudente ed essenziale nel primo commento;
IL FATTO QUOTIDIANO: “ …tra gli strali di Confedilizia ( “irresponsabili”);
IL CORRIERE DELLA SERA, si limita a portare la notizia;
NEWS 24: Gorgio Spaziani Testa, Presidente Confedilizia: “ Il blocco degli sfratti è un provvedimento irresponsabile e un insulto al diritto di proprietà.

Il tutto, ed è una raccolta parziale, è riportato in allegato, vedi qui >>>

Al caro Presidente infuriato ed altro, è appena il caso di ricordare che un blocco degli sfratti non risolve i problemi della casa, ma rappresenta un atto eccezionale e l’epilogo di tanti altri problemi irrisolti, che si sono maggiormente aggravati in occasione dell’attuale difficoltà di tante famiglie in coincidenza del COVID 19, i cui effetti disastrosi non finiscono certo con la fine del ciclo pandemico e molti prevedono che i prossimi mesi raggiungeranno la massima criticità. Come noto gli sfratti colpiscono quasi sempre la parte più debole della Società, e pronunciare quelle parole qualifica quel Presidente della potente organizzazione della CONFEDILIZIA per quello che afferma. E’ da notare che nessuno degli Organi di stampa citati, affronta anche in maniera succinta il problema: o riporta le dichiarazioni della Confedilizia o si astiene da qualsiasi commento. E’ obbligo della politica, quella buona, occuparsi del problema e nel medio periodo trovare una via d’uscita attraverso un avvio di edilizia economica che darebbe anche inizio all’occupazione di migliaia di posti di lavoro, oltre che mettere in condizioni di affittare o comprarsi una casa a condizioni accessibili.

Per ritornare a quanto ora approvato dalla Commissione Bilancio, ora si attende un passaggio brevissimo in Aula della Camera e poi altrettanto rapido al Senato.

Ma per ora godiamoci questo piccolo risultato ma grande per il suo significato. Ai tanti sfiduciati e disillusi, ai tanti che pretendono sempre dagli altri la soluzione di tutto, ricordiamo ora le tante famiglie colpite da uno sfratto della Difesa, in particolar modo delle decine di avvisi di sfratto, che avevano scadenza il prossimo 15 settembre, chi prima chi dopo , inviati con metodico accanimento dal Comando della 1 Regione Aerea di Milano. Quelle tante famiglie e altre in tutta Italia, avranno un pò di respiro e in ogni caso tempo per organizzarsi, malgrado la pandemia da virus latente anche se appare in via di risoluzione e l’altra “ pandemia” questa si endemica che riguarda gli alloggi della difesa, quella che ha sfasciato, con leggi e Regolamenti errati fatti con cosciente colpevolezza, un intero patrimonio di 16.000 alloggi.

Tiriamo il fiato e respiriamo per questo successo del quale CASADIRITTO ne rivendica la quasi “ paternità”, ringraziamo i membri della Commissione Bilancio, in particolare i deputati firmatari oltre riaffermare a gran voce che tale risultato è sacrosanto, checchè ne pensi l’arrabbiato Presidente di CONFEDILIZIA Giorgio Spaziani Testa che invitiamo a darsi una calmata e a ragionare..

In allegato:
1. Verbale seduta della Commissione Bilancio del 28 giugno 2020, riportante l’approvazione del blocco degli sfratti, clicca qui >>>

2. Miscellanea di giornali riportanti la notizia del blocco, clicca qui >>>

N.B. Data l’importanza della notizia, invitiamo i Coordinatori di darne ampia diffusione, clicca qui per prelevare l’intervento di Casadiritto in PDF >>>.

IL COORDINATORE NAZIONALE CASADIRITTO
Sergio Boncioli

 

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

8 thoughts on “Tutti gli sfratti anche della Difesa sono bloccati fino al 31 dicembre 2020. Anche quelli in corso. Le reazioni scomposte di Confedilizia.”

  1. Il blocco degli sfratti è un regalo a tanti furbi e un danno gravissimo per molti altri. Non si può mettere sul stesso piano chi è indigente e chi ci marcia sopra, e nel primo caso è lo Stato che se ne deve fare carico, non il privato cittadino.

  2. I PROPRIETARI DELLA CASA DEVONO VEDERE IL SACRIFICIO DI RITARDARE E BLOCCO GLI SFRATTI COME UN ATTO NECESSARIO DI UMANITÀ, RAZIONALITÀ E SOSTEGNO AL GOVERNO ITALIANO NELLA GESTIONE DELLA DISAGIO CAUSATA DALL’ATTACCO DI COVID-19. IL GOVERNO È INTERESSATO PER LA SALUTE DI TUTTI I CITTADINI, COMPRESI I PROPRIETARI DI CASA. SPERANZA CHE LA SITUAZIONE MIGLIORERÀ PRESTO E CHE I PROPRIETARI DELLA CASA RIPRENDERE I LORO DIRITTI ALLA PROPRIETÀ E ALLA LOCAZIONE.

  3. Buongiorno ho affittato la casa costruita per mio figlio per necessità l’inquilino ha pagato solo per entrare poi basta da Aprile 2019 che non paga niente e la casa tenuta malissimo rifiuti e erbacce ovunque non so dentro e in corso lo fratto con il termine del giudice per lasciare la casa il 6 MARZO 2020 è ancora lì vi sembra giusto? Tanti proprietari affittano quello che hanno per arrivare a fine mese , questi blocchi sfratti aiutano i furbi approfittatori della gente onesta che paga siamo disperati e non siamo più giovani mano sull anima se ne avete una

  4. Tutto questo è uno schifo.Il governo non può pretendere che i PROPRIETARI , con grandi sacrifici, mantengono famiglie intere a gratis nelle proprie case.E’ gentaglia che approfitta……sono sciacalli del la società…..Molti fanno i furbi….non è che non possono pagare……non vogliono pagare.

  5. Questo provvedimento è porcata. Lo stato riversa sui privati cittadini la sua incapacità di gestire il “problema casa”. Ho nel mio appartamento una famiglia che non mi paga da un anno e il coronavirus non c’entra nulla. Per giunta è scaduto anche il contratto da fine marzo e quindi lo stato permette loro di occupare abusivamente una proprietà privata. Naturalmente non sono previsti indennizzi per il proprietario che si deve fare carico anche delle spese condominiali oltre al pagamento delle tasse. Solo in Italia succedono cose simili.

  6. Io farei una cosa semplice: se il giudice che rappresenta la legge e lo stato mi blocca lo sfratto dell’inquilino che non paga, a questo punto e da subito l’affitto lo paga lo stato con fondi ad hoc presso l’agenzia delle entrate. E paga fino a quando se ne vanno. Altrimenti sfratto super esecutivo. in tre mesi si deve essere fuori da casa.

  7. UN APPARTAMENTO CON CONTRATTO SCADUTO DAL 2013.HO FATTO DENUNCIA DI SFRATTO ..FINALMENTE DOVEVA ANDAR VIA A MARZO 2020 (DAL 2013 NON HA PIU’ PAGATO NE’ AFFITTO NE’ CONDOMINIO)….GIUSTIZIA ITALIANA FALLITA…PURTROPPO IL GOVERNO HA BLOCCATO A MARZO GLI SFRATTI E IO MI RITROVO A PAGARE IMU MENTRE LUI DA 7 AA NON PAGA PIU’ NIENTE. USA LA MIA CASA A SUO PIACIMENTO.VI DICO ANCHE CHE UNA VOLTA SONO RIUSCITA AD ENTRARE.LA MIA CASA E DISTRUTTA E CHI LA COMPRERA’ DOVRA’ SPENDERE 60.000 EURO PER RESTAURARLA SEMPRE CHE IL GOVERNO ITALIANO MI PERMETTA DI VENDERLA. LA MIA CASA COMPRATA CON I SOLDI DEL MIO LAVORO.MENTRE QUELLI CHE SONO DENTRO LAVORANO IN NERO A DETTA DELL’AMMINISTRATORE…

  8. Negozio di famiglia, tasse pagate sempre, anche Imu, chi è dentro non paga da febbraio dicendo di dire ciao ciao ai soldi non entrati e grazie allo stato italiano, non li manderò via prima di metà 2021
    Loro ora sono in vacanza, io con mia moglie e 2 figli adolescenti siano al caldo di Roma, e io a 48 anni ho la Sclerosi Multipla dal 2000…. Ora rischiano a vivere grazie agli aiuti dei parenti, grazie, veramente grazie, tutelate chi truffa e non chi come me paga tutto da sempre, e non sono un ricco palazzinaro, ho acquistato il mio locale da mio padre…. Che schifo, grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.