MISSIONI MILITARI ALL’ESTERO, IN SENATO MAGGIORANZA SPACCATA SULLA LIBIA

Roma, 08 lug 2020 – Ieri nel corso della discussione per approvare le missioni militari all’estero si è verificata una delle tante spaccature politiche italiane, stavolta in Commissione Difesa Senato. La legge sulle missioni all’estero vuole che i “fuori area” siano autorizzati e finanziati ogni anno. Nel dibattito del 7 Luglio si è votato anche per autorizzare le nuove missioni , oltre che per concedere la la proroga a quelle esistenti per l’anno successivo.

La maggioranza si è spaccata sulla missione in Libia, il cui obiettivo è di assistere il Governo di Accordo Nazionale Libico nel campo sanitario, di sminamento, di formazione delle forze di sicurezza e di controllo dell’immigrazione illegale mediante il ripristino dell’efficienza delle dotazioni militari terrestri e navali locali.

Nei compiti della missione sono anche confluite le attività della Ippocrate, di supporto sanitario alla popolazione con un ospedale da campo nell’aeroporto di Misurata.

Molti parlamentari della maggioranza hanno dichiarato la loro ostilità alla Guardia Costiera Libica da parte di personale della Guardia di Finanza protetto per lo scopo da unità dei carabinieri paracadutisti, minacciando di far saltare l’intera votazione se non si fosse estrapolata la votazione sulla Libia, dove lo scopo dichiarato è quello di fronteggiare il fenomeno dell’immigrazione clandestina e della tratta di esseri umani.

Si è deciso di quindi votare separatamente il decreto sulla missione libica , aggiungendo ma con una risoluzione, che obbligherebbe il Governo a firmare con la Libia degli accordi sul rispetto dei diritti umani.

 

Cerca nel sito

Resta in contatto con noi. Ricevi le news del sito sul tuo smartphone in tempo reale. Scarica da Play Store l'app TELEGRAM, cerca il canale "Forzearmateeu" e unisciti. Siamo oltre 5.000 - Unisciti ai nostri Gruppi/Chat su TELEGRAM, cerca "Militari e Forze di Polizia" e "Graduati Forze Armate" - Ti aspettiamo! ECCO COME FARE>>>

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.